Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Da Regione 32 milioni per distretti socio sanitari
«Privilegiare permanenza in ambiente familiare»

«Scelta che tiene in considerazione aspetti emotivi, affettivi e relazionali», l'ha definita l'assessora della Famiglia, Mariella Ippolito. Una somma suddivisa per diverse destinazioni: dai piani di zona all'attivazione ma anche all'aggiornamento degli operatori

Redazione

Trentadue milioni di euro erogati dalla Regione Siciliana per i cinquantacinque distretti socio sanitari dell'Isola. In particolare, circa ventidue milioni di euro sono destinati ai Piani di zona, sei milioni di euro all'integrazione socio sanitaria, un milione e mezzo all'attivazione dell'assistenza tecnica, un milione all'aggiornamento degli operatori pubblici coinvolti nelle politiche dei distretti, seicentocinquantamila euro al rafforzamento delle forme associative tra i Comuni.

Saranno potenziati i servizi per l'accesso e per la presa in carico da parte della rete assistenziale, con particolare attenzione per le misure destinate a favorire la permanenza a domicilio. «Consideriamo un obbligo - sottolinea il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci - l'attenzione verso i soggetti più deboli e che vivono una condizione di fragilità. Un dovere che non ammette cali di tensione né, tantomeno, la minima negligenza. È importante l'attenzione delle istituzioni ma, soprattutto, l'ambiente familiare: ecco perché va privilegiata la permanenza nell'abituale contesto di vita».

«Una scelta - aggiunge l'assessore regionale della Famiglia Mariella Ippolito - che tiene in considerazione aspetti emotivi, affettivi e relazionali. Va assicurata una struttura organizzativa in grado di assolvere pienamente alla funzione di accesso al sistema integrato dei servizi sociali. Con queste somme verranno definiti i Piani di zona per il 2018 e per il 2019, all'interno dei quali potranno essere realizzati servizi volti a favorire la partecipazione della persona disabile alle attività scolastiche, formative, socio-lavorative, sanitarie, riabilitative, culturali e ricreative».

Le risorse, provenienti dal Fondo nazionale delle politiche sociali, sono relative alle annualità 2016 e 2017. Tra le altre misure che saranno attivate dai distretti, il sostegno all'inclusione socio-lavorativa e alla vita indipendente, i servizi semi residenziali, le attività di laboratorio e l'assistenza domiciliare integrata. È prevista, inoltre, la formazione, da parte di personale dell'assessorato, dei funzionari comunali che si occupano della materia. Saranno, infine, potenziate le risorse umane - assistenti sociali e psicologi - destinate al settore.

(Fonte: Regione Siciliana)

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×