Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lentini, il poeta che ha donato l'albero di natale alla città
«Dopo 50 anni in famiglia, adesso è di tutta la comunità»

Per due generazioni è stato tramandato. Un ramo da cui nasco il fusto tenuto prima in balcone e poi in giardino. «Abbiamo voluto regalarlo ai lentinesi come simbolo di unione», racconta Giuseppe Cardello a MeridioNews. Guarda le foto

Danilo Daquino

Foto di: Danilo Daquino

Foto di: Danilo Daquino

«Di padre in figlio». E infine dono per l’intera comunità. Arriva da Lentini la storia di un regalo, quello che Giuseppe Cardello, apprezzato poeta cuntastorie, ha voluto fare ai suoi concittadini: un albero, un abete storico, portato dal giardino di casa sua alla piazza centrale della città, dove è stato addobbato per il Natale

«Ci pensavo già da un po’ - spiega Cardello a MeridioNews - e così quest’anno con mia moglie e mio figlio abbiamo pensato di donarlo». Dietro al gesto, c’è la storia di un albero che «è nato circa 50 anni fa, da un ramo che mio padre portò dalla nostra campagna per fare l’albero di Natale - racconta - Da quel ramo caddero dei semi sul grande vaso dove lo avevamo collocato e poi, a sorpresa, ha preso vita l’abete, che è rimasto sul balcone di casa per trent’anni, fino a quando mi sono trasferito nella mia nuova abitazione. Qui l’ho messo nel giardino e ci ha accompagnati per altri vent’anni». 

Vent’anni in cui l’abete è cresciuto per oltre dieci metri di altezza, con tutte le conseguenze. «Era troppo grande e le radici stavano cominciando a fare dei danni - specifica il cuntastorie - tra l’altro non dava nemmeno respiro agli altri alberi, così abbiamo deciso di donarlo alla città e quest’anno sarà l’albero dei lentinesi». 

Separarsene, però, non è stato semplice. Cardello è un ragazzino quando vede nascere l’abete, che poi lo ha accompagnato per tutta la sua vita. C’era quando si è sposato, c’era quando è nato suo figlio Iacopo, anche lui poi cresciuto insieme a quello che da sempre è stato l’albero di Natale della famiglia. «Adesso, alla fine della sua vita, è diventato l'albero di Natale di tutti i cittadini lentinesi», sottolinea l’uomo che non nasconde di essere «molto legato all'abete per ragioni di affetto, tanto che ne sentiremo la mancanza». 

Cardello ha documentato il trasferimento dell'albero su Facebook, dove ha postato le foto dello spostamento del fusto dal giardino di casa a piazza Duomo che ogni anno, come da tradizione, viene addobbata per le feste natalizie. «Abbiamo tramandato questa storia per due generazioni e adesso la doniamo alla cittadinanza intera. Sono stati in molti a gradire il regalo - rivela - e qualcuno mi ha anche fermato per strada per ringraziarmi». Un gesto che sotto le feste natalizie ha lo scopo di «fare in modo che l’albero diventi un simbolo di unione per la città perché a prescindere da ogni visione - conclude Cardello - la città va aiutata». 

In questi giorni l’albero è stato sistemato nella piazza centrale della cittadina, di fronte alla chiesa madre e proprio per il pomeriggio di oggi, nel giorno dell’Immacolata concezione, è in programma l’accensione delle luci. Che per la prima volta non emozioneranno solo i vecchi proprietari ma l’intera comunità

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×