Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gela, si costituisce dopo aver accoltellato coetanea
La vittima è ancora ricoverata in prognosi riservata

Redazione

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Si è costituita ai carabinieri, accompagnata dal suo legale, la minorenne che due giorni fa ha ferito con una coltellata una coetanea di 17 anni a Gela per motivi passionali. 

La vittima è ancora ricoverata con la prognosi riservata in ospedale, ma non è in pericolo di vita. L'arma, un coltello a serramanico di quelli usati dai cacciatori, è stata recuperata grazie alla collaborazione dell'indagata. 

Le due ragazze frequentano lo stesso corso per estetista e avrebbero litigato per rancori sentimentali mai sopiti. L'accoltellatrice, su disposizione del procuratore per i minorenni di Caltanissetta, Laura Vaccaro, è stata condotta in un centro di accoglienza. 

«Un gesto non istintivo ma premeditato», così il sostituto della procura minorile di Caltanissetta, Stefano Strino, ha definito l'accoltellamento in piazza Umberto a Gela. La diciassettenne, adesso detenuta nel carcere minorile di Caltanissetta, è accusata di tentativo di omicidio e porto abusivo di coltello. La ragazza, secondo la ricostruzione degli inquirenti, aveva pianificato l'aggressione per vendicarsi del fatto che il fidanzato l'avesse tradita con la vittima. 

Il giorno prima dell'aggressione si era anche recata in un negozio di ferramenta per acquistare il coltello a scatto, con lama da 9 centimetri: episodio documentato dalle telecamere di videosorveglianza del negozio. La sera del 3 dicembre la giovane indagata aveva incrociato per strada e inveito contro la rivale e, secondo gli investigatori, voleva avventarsi contro di lei, ma non era riuscita ad aggredirla perchè l'altra si era allontanata. 

La mattina dopo è esplosa la violenza: le due giovani hanno iniziato una colluttazione l'indagata avrebbe estratto il coltello colpendo l'altra minore con un fendente all'addome e ha poi preso lo zainetto della coetanea rovesciandone a terra il contenuto. 

Nel corso della conferenza stampa, svoltasi stamattina a Caltanissetta, in cui sono stati diffusi alcuni dettagli sul caso il pm dei minori Strino ha aggiunto: «È un fatto che lascia inorriditi perchè coinvolge due minorenni ed è dettato da motivi futili visto che parliamo di fidanzamenti tra minorenni che nascono e muoiono rapidamente».

La giovane aggredita è stata trasportata immediatamente in ospedale e i medici l'hanno operata d'urgenza. «A Gela la videosorveglianza assume un ruolo fondamentale anche per far fronte a un tipo di criminalità diverso rispetto a quello che siamo abituati a combattere nella nostra provincia», ha detto il comandante provinciale dei carabinieri di Caltanissetta, Baldassare Daidone. 

«Un fatto che lascia attoniti - ha aggiunto il comandante del nucleo territoriale dei carabinieri di Gela, il tenente colonnello Antonio De Rosa - l'amore non è una cosa futile, però è assurdo arrivare a questo tipo di esasperazione». Adesso la giovane indagata sarà interrogata dal gip dei minori.

(Fonte: Ansa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email