Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Porto Empedocle, demolita casa di Andrea Camilleri
«Lo scrittore è un tirchio», tra incuria e il maltempo

L'immobile dove l'inventore del commissario Montalbano ha passato la sua gioventù non esiste più. Le ruspe sono entrate in azione ieri sera. «Nonostante il nostro progetto per mantenere la memoria storica», dicono a MeridioNews da Mareamico. Guarda il video e le foto

Marta Silvestre

La casa dove ha passato la gioventù Andrea Camilleri a Porto Empedocle non esiste più. È stata abbattuta ieri sera. «E questo nonostante da diverse parti si erano poste in essere iniziative per salvarla e mantenere la memoria storica», spiegano a MeridioNews da Mareamico, l'associazione ambientalista che ha messo a disposizione dell'amministrazione comunale - proprietaria dell'immobile - un tecnico affermato per realizzare gratuitamente un progetto di ristrutturazione e recupero.  

Un pezzo di storia finito sotto i colpi della ruspa quello di casa Fragapane, la residenza settecentesca non distante dalla Valle dei Templi, di cui non rimane nemmeno la facciata. «Il motivo di questa distruzione è che Camilleri è un tirchio», dicono da Mareamico. A dare il colpo di grazia all'immobile, già indebolito dall'incuria, sono state le piogge che, nell'ultimo periodo, hanno investito l'Agrigentino. È il Comune di Porto Empedocle a intimare alla famiglia Camilleri di mettere in sicurezza l'area in cui sorge l'edificio. Per il direttore dei lavori scelto dalla figlia dello scrittore, però, l'unica soluzione sarebbe stata quella di procedere per la demolizione. E così è stato.

«Noi abbiamo provato a impedire che accadesse inviando un consulente, l'ingegnere Ignazio Puccio - spiega Claudio Lombardo di Mareamico - e abbiamo proposto un progetto di recupero e ristrutturazione a titolo gratuito per l'immagine. Purtroppo dall'amministrazione comunale ci è stato risposto che oramai era troppo tardi». La combinazione di abbandono ed effetti del maltempo non ha lasciato scampo a casa Fragapane-Camilleri.

Per capire come si è arrivati a radere al suolo quello che è stato un rifugio per l'inventore del commissario Montalbano, bisogna fare qualche passo indietro. Lo scrittore, anni fa, cede la casa al Comune ed è lì che la fondazione che porta il suo nome avrebbe dovuto avere la propria sede. Cinque anni fa, arriva l'annuncio che il restauro si sarebbe fatto con un finanziamento di Enel che lo avrebbe dato all'ente comunale come compensazione per la costruzione del rigassificatore. L'impianto dell'Enel non è stato più fatto e anche del restauro non se n'è più fatto nulla. Successivamente, a questo progetto si è avvicinata la strada degli scrittori - un itinerario che ripercorre i luoghi siciliani che hanno visto nascere e produrre i grandi autori locali -, ma anche qui un nulla di fatto

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email