Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Rifiuti, sequestro agli ex vertici di Tirrenoambiente
Fatture false e affidamenti illeciti, i nomi coinvolti

Da una parte erano soci della Tirrenoambiente, perché membri della componente privata della società. Dall'altro avrebbero ricevuto servizi e commesse dalla stessa ditta. E avrebbero costruito un articolato sistema di fatture false per operazioni inesistenti. Guarda il video

Salvo Catalano

Un sequestro da quattro milioni di euro agli ex vertici della Tirrenoambiente spa, la società a partecipazione pubblica che ha gestito la discarica di Mazzarrà Sant'Andrea, al centro di numerose indagini. Sotto accusa finiscono otto persone, ma il sequestro è a carico di quattro di loro: Giuseppino Innocenti, Giuseppe Antonioli, Rosario Carlo Noto La Diega e Francesco Cannone. In totale sono stati denunciati due rappresentanti legali della Tirrenoambiente per il reato di utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e sei rappresentanti legali delle società incaricate di svolgere le prestazioni per il reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti. 

Secondo la Procura di Messina che ha svolto le indagini, tra il 2011 e il 2013 le casse della società sono state svuotate mediante un complesso sistema di false fatturazioni e che parte del denaro illecitamente fuoriuscito è rientrato nelle tasche degli ex vertici dell'azienda attraverso società in cui gli stessi rivestivano importanti cariche sociali. L'inchiesta prende le mosse da una verifica fiscale eseguita dal Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Messina nei confronti della Tirrenoambiente.

In particolare grazie all'attività di verifica fiscale è stato riscontrato che la società avrebbe fatto ricorso sistematicamente all'affidamento diretto di lavori, servizi e forniture rivolgendosi o ad aziende riconducibili alle quattro persone colpite dal sequestro. Queste società, nella maggior parte dei casi, erano allo stesso tempo clienti della Tirreno, perché ricevevano commesse e appalti, e soci della Tirreno, in quanto membri della componente privata (il 49 per cento) dell'impresa. 

In particolare Francesco Cannone, ex presidente del cda di Tirreno, è accusato di uso di fatture false; Giuseppino Innocenti è stato amministratore delegato di Tirreno ma anche rappresentante legale della Edera Ambiente; Rosario Carlo Noto La Diega, ex membro del cda di Tirreno ed ex rappresentante della Gesenu; mentre Giuseppe Antonioli, ex amministratore delegato di Tirreno, è stato rappresentante della società Osmon (quest'ultima non fa parte della compagine sociale di Tirreno, ma sarebbe comunque coinvolta nel giro di fatture false). Dalla Finanza di Messina sottolineano il calibro dell'ingegnere Noto La Diega, 78enne, più volte finito al centro di inchieste giudiziarie sui rifiuti in giro per l'Italia e considerato uno dei più importanti imprenditori del settore dei rifiuti. La società umbra di cui è stato rappresentante, la Gesenu, ha gestito per alcuni anni anche la raccolta e lo smaltimento nell'intero Ato Messina 2. 

Gli altri quattro denunciati, non colpiti da misura di sequestro, sono Antonio Crisafulli, ex presidente del cda di Tirreno; Pietro Cesaro e Pietro Gelfi, rappresentanti legali di altre due società coinvolte nel giro di fatture false; e Silvio Gentile, ex amministratore delegato di Gesenu.

In totale sarebbero state emesse fatture false per operazioni inesistenti per oltre tre milioni di euro. Tra le operazioni falsamente documentate ci sarebbero servizi di supervisione e di controllo della gestione o attività di consulenza che non sono risultati provati da nessun documento che attesti l'effettuazione dell'incarico, ad esempio: corrispondenza informativa, verbali di sopralluoghi, atti di controllo e verifica, rapporti o relazioni tecniche.

Su alcuni servizi di fornitura della discarica è stato accertato l'affidamento diretto da parte della Tirrenoambiente, «in violazione - sottolinea la Finanza - delle norme sull'evidenza pubblica e con l'applicazione di percentuali di ricarico sulla fornitura di materiali e la prestazione di servizi fuori da ogni logica commerciale». Secondo gli investigatori, questo sistema ha consentito, da un lato, alla Tirrenoambiente di abbattere i costi di gestione attraverso la contabilizzazione nelle dichiarazioni Iva e, dall'altro, alle società emittenti di accaparrare illecitamente denaro pubblico. Il provvedimento di sequestro, che nasce da un'indagine della Procura di Messina coordinata dal procuratore Maurizio de Lucia, è stato emesso dal gip Simona Finocchiaro. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email