Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gela Calcio, i dirigenti attaccano il Comune
«Stadio inagibile? Commissario non fa nulla»

Attraverso un comunicato, i vertici societari hanno rassegnato le proprie dimissioni: «Domenica scorsa è arrivata la goccia che ha fatto traboccare il vaso», spiega il ds Giovanni Martello. I tifosi sono costretti a seguire le gare dai balconi

Luca Di Noto

«La situazione dello stadio è diventata tragicomica e la partita di domenica scorsa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso». Dopo le gare giocate a porte chiuse (tutte quelle della stagione in corso) per l’inagibilità dello stadio Presti, la dirigenza del Gela ha deciso di dimettersi malgrado la squadra sia in piena corsa per i play off in classifica nel girone I di serie D. Il direttore sportivo biancazzurro, Giovanni Martello, ha spiegato così la situazione: «Aspettavamo da tanto tempo la sfida contro il Bari di domenica scorsa - dice a MeridioNews - ed è stata una sconfitta che squadra e tifosi non meritavano. Questo è determinante ai fini della decisione presa dalla società perché abbiamo sempre giocato senza gente». 

Una situazione che, a detta di Martello, non poteva più essere tollerata. «Tutto questo comporta mancati incassi e mancate sponsorizzazioni. Noi, inoltre, non viviamo di proventi derivanti dalle televisioni e non si può fare un campionato dispendioso come quello di serie D senza incassi». Nella nota diffusa dalla società, si parla addirittura di scene da terzo mondo relative ai tifosi accalcati sui balconi e nei terrazzi delle palazzine situate accanto allo stadio pur di assistere alle gare.

A dimettersi è stato l’intero vertice amministrativo della società, composto da 12 persone, incluso il presidente Angelo Mendola che si era più volte detto stanco di questa situazione. L’inagibilità della struttura, infatti, ha portato la società a non incassare nulla dall’eventuale vendita dei biglietti, penalizzando il club anche per quello che riguarda gli sponsor. «Siamo in una situazione disastrosa, il ristorante - prosegue Martello - non ci vuole più far mangiare e i giocatori rischiano lo sfratto. L’amministrazione a Gela è assente, qui c’è un commissario perché il sindaco è stato sfiduciato. Abbiamo la caldaia rotta e avevamo chiesto un intervento di scerbatura del manto erboso, cose che non sono state realizzate». Nessun tipo di dialogo costruttivo con i vertici dell'ente per far sì che questa situazione possa rientrare. In ogni caso, la dirigenza biancazzurra non appare intenzionata a ritornare sui propri passi: «Il primo passo tocca al commissario che deve porgere una mano alla dirigenza se veramente tiene a questa squadra. È lui infatti la massima espressione della città, mancando il sindaco. Questa squadra sta regalando gioie e portando il nome di Gela in giro per l’Italia».

La dirigenza tiene a sottolineare che le dimissioni non sono assolutamente dovute ai risultati sportivi e alla recente sconfitta con i galletti: «La gara di domenica scorsa contro il Bari è stato un affronto per la società, per i tifosi e anche per la città di Gela. Questo, comunque, è stato causato anche dalla miopia della Lega e dalla scorrettezza del Bari». Si parlava infatti dell’ipotesi di giocare la partita altrove, come al Dino Liotta di Licata: «Il Bari non ha permesso assolutamente altre sedi dove potere giocare». Tutto ciò ha portato all’ennesima gara giocata a porte chiuse al Presti. Gara che i tifosi hanno visto, come di consueto, dai balconi adiacenti allo stadio ospitando, tra l’altro, anche dei sostenitori biancorossi: «Credo che in questo abbiamo dato una grande lezione di civiltà. I tifosi gelesi sono encomiabili e li hanno ospitati già dalla mattina, poi a pranzo e infine invitandoli a vedere la partita».

La situazione, intanto, appare drammatica anche perché a inizio dicembre aprirà il mercato. E non è escluso che i giocatori possano cercare di accasarsi altrove: «So di avere a disposizione degli uomini veri in squadra e quindi cercherò con tutte le mie forze di far sì che la squadra non si disgreghi. Chi però non vorrà restare con noi, non sarà trattenuto contro la sua volontà». Nonostante tutte le problematiche vissute finora, però, il Gela si trova al quinto posto: «Sono molto soddisfatto del percorso della squadra. Abbiamo fatto cose egregie e oltre ai risultati abbiamo mostrato anche bel gioco. Dopo la stagione deludente dell’anno scorso, abbiamo riacceso l’entusiasmo dei tifosi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email