Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Migranti, in 264 su un barcone fino al porto di Pozzallo
«Miracolo che siano arrivati». Tre ricoverati, uno grave

Sono arrivati ieri sera - ci sono anche 37 minorenni tra cui cinque neonati - e le operazioni di sbarco sono state accelerate a causa delle fatiscenti condizioni del mezzo e del vento. Tre casi di sospetta tubercolosi, uno in condizioni critiche

Salvo Catalano

«Più che un pescereccio era una barcaccia. Che siano arrivati fin dentro il porto di Pozzallo è un miracolo». Il sindaco della cittadina ragusana Roberto Ammatuna ha assistito stanotte all'arrivo del barcone che ha portato 264 migranti, sbarcati tutti e trasferiti nell'hotspot. A fare accelerare le procedure hanno contribuito anche motivi di sicurezza per le cattive condizioni del barcone sul quale si trovavano e per il forte vento.

Dal mezzo sono scesi 264 migranti, quasi tutti di origine eritrea: prima i 37 minorenni, di cui cinque neonati, e le 43 donne, poi i 184 uomini. Le persone sono state visitate dal personale medico e trasferite all'hotspot di Pozzallo, che era vuoto dopo il recente trasferimento dei 90 migranti arrivati da Lampedusa. Da lì saranno spostate in diversi centri di accoglienza. Individuati gli scafisti: un libico e un tunisino. 

Ci sono tre giovani ricoverati in ospedale per patologie polmonari, sospetta tubercolosi. Uno di loro, di circa vent'anni, è in condizioni critiche e monitorato costantemente nella struttura sanitaria di Modica. «Ha un polmone non funzionante e un versamente pleurico - spiega il sindaco Ammatuna, che è anche primario al pronto soccorso di Modica - è assistito dai rianimatori». Cinque donne gravide e tre lattanti sono stati portati in ospedale e fatti tornare all'hotspost. Due neonati hanno però necessità di ulteriori controlli.

Stando alle prime ricostruzioni il vecchio peschereccio sarebbe arrivato in solitaria fino a poche miglia dal porto di Pozzallo, qui è stato affiancato da una motovedetta della Guardia di finanza che lo ha scortato dentro l'infrastruttura. «I migranti sono miracolosamente vivi», afferma l'Unhcr, l'agenzia Onu per i rifugiati in un tweet. «Questo barchino traballante ha portato oltre 200 persone in mare per tre giorni - scrive - senza cibo/acqua. Loro sono miracolosamente vivi a Pozzallo. Altri invece, scomparsi in queste stesse ore. Il soccorso in mare è fondamentale, assieme a un meccanismo sicuro e prevedibile di approdo». Il ministro dell'Interno Matteo Salvini attacca: «Malta si conferma vergognosa, chissà se a Bruxelles sprecheranno inchiostro per mandare letterine di richiamo anche alla Valletta».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×