Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Iozzia, nel Lazio lo chef lentinese con la stella Michelin
«Mischio cucina siciliana e viterbese, sogno di tornare»

Partito dalla cittadina siracusana e approdato da oltre vent'anni nelle campagne del Lazio dove ha aperto prima un'osteria e poi un ristorante che quest'anno ha ricevuto l'ambito riconoscimento. «Oggi in Sicilia è maturata una nuova attenzione per la cucina»

Danilo Daquino

«Un cuciniere siciliano in terra etrusca». Si definisce così lo chef Lorenzo Iozzia, tra i premiati dalla Guida Michelin lo scorso 16 novembre a Parma. Originario di Lentini ma residente in provincia di Viterbo da 20 anni, è il proprietario di Casa Iozzia, un ristorante siciliano nel cuore della campagna viterbese che «fa parte di Villa San Michele – spiega a MeridioNews lo chef – un complesso di circa 750 metri quadrati, che comprende anche l’osteria Basilicò, dove facciamo cucina mista tra quella siciliana e quella viterbese, dalla caponata alla parmigiana, pizzoli siciliani, arancini, alla matriciana. La stella? Non me l’aspettavo, non sapevamo di essere sotto attenzione– rivela – il nostro è un locale di un certo livello, sia da un punto di vista funzionale che estetico, ma la stella è soprattutto nel piatto come si suol dire, perché oltre all’ambiente ciò che conta davvero è quello che mangi».

Al centro dei criteri per l’assegnazione del prestigioso riconoscimento, c’è difatti la qualità del prodotto ma anche la creatività dello chef. In poche parole, «la cucina deve essere perfetta», sottolinea Iozzia, che nei suoi piatti mette le ricette della tradizione siciliana, accuratamente rivisitate, ma anche gli odori e i luoghi dell’Isola: «L’emozione di un ricordo in riva al mare tornando da una battuta di pesca con mio padre, i profumi di zagara e di agrumi maturi raccolti in campagna con mio nonno, il sapore di ricotta quando la domenica si andava dai pecorai a mangiarla calda con il pane duro, la gioia di una nguantera di pasticcini, settembre a Castelluccio contemplando il mare da solo. Il rumore di quelle onde sugli scogli lo riconoscerei ad occhi chiusi, questa è l’essenza dei miei piatti».

Un bagaglio, come lo definisce lo chef, che si porta dietro dai tempi in cui era studente universitario di Scienze Agrarie, e da oltre quindici anni in cucina, quando ha aperto prima l’osteria e nel 2007 il ristorante, oggi gourmet, a Vitorchiano. «Mi sono fermato qui dopo l’università, ma sogno di tornare nella mia terra, la Sicilia è tutto ciò che sono e a Lentini ho la mia famiglia – racconta – però qui ho ancora tanti percorsi importanti da fare e la valigia da riempire di tante esperienze. Un giorno la porterò a casa per intraprendere un percorso nuovo, non so quando avverrà».

Tra i nuovi chef stellati siciliani, c’è anche Alessandro Ingiulla, originario di Santa Maria Licodia, che dopo aver lavorato in varie parti d’Europa ha deciso, invece, di restare a Catania. Un trend sempre più in crescita, quello per la cucina di qualità, che nella regione vede crescere consensi e riconoscimenti. Ma è corretto definirlo trend? «Secondo me no – afferma Iozzia – credo che fino a qualche anno fa, nonostante la grande cultura gastronomica presente in Sicilia, mancava l’attenzione nei confronti di tutti quegli elementi che servono per ottenere la stella Michelin, dal personale qualificato in sala, alla sala stessa che come il servizio deve essere di un certo livello, fino ad arrivare ai piatti che oltre a rispettare la tradizione devono avere una tecnica di preparazione particolare – evidenzia – oggi questa attenzione è maturata. Dietro la stella c’è un lavoro differente da quello che siamo abituati a conoscere».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email