Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Cristian Aiello, la vita di uno degli ultimi maestri d'ascia
«Arte difficile da tramandare. I giovani? Disinteressati»

Tanto lavoro e guadagni risicati. Anche per questo il mestiere del 40enne di Castellammare del Golfo sembra destinato a sparire. A introdurlo nel restauro delle barche fu il padre. «Sono stato il più giovane a ottenere il titolo in Sicilia», racconta

Danilo Daquino

«Io non lo chiamo lavoro, per me è una passione». Cristian Aiello, 40enne di Castellammare del Golfo, la coltiva sin da piccolo, da quando ha messo piede, per la prima volta, nel cantiere navale di suo padre. Aiello è uno dei pochi maestri d’ascia rimasti in Sicilia. Costruisce e restaura barche alla vecchia maniera, con l’ascia e il legno, seguendo le orme del padre che nel 1964 ha avviato l’attività al porto. «Poco più che ventenne mi sono ritrovato a portarla avanti da solo - racconta a MeridioNews -. Oggi continuo questo mestiere tramandatomi da mio padre, quando andavo al cantiere e osservavo il suo lavoro». Quando è stato assunto, Cristian aveva un obiettivo: diventare maestro d’ascia. 

Grazie alla formazione ricevuta, a soli 19 anni ha passato l’esame presso la Capitaneria di porto. «Sono stato il più giovane in Sicilia a ottenere il titolo», ricorda. L’attestato gli ha permesso di prendere le redini del cantiere, che non ha mai abbandonato. «Lavoro per i pescatori, ho anche lavorato per qualche tonnara - spiega - anche se il guadagno è minimo rispetto alla prestazione, bisogna fare molti sacrifici, per questo i giovani non si avvicinano a questa arte. Avevo aderito all’alternanza scuola lavoro - racconta - ma i ragazzi non sono motivati, alcuni non volevano venire, infatti da quest’anno ho deciso di non farla più».

Se da un lato il lavoro non manca, dall’altro i ricavi minimi permettono a malapena di pagare le imposte. «Non mi fermo mai, sono sempre all’opera - sottolinea l’uomo -. Adesso ho una barca in lavorazione, però quel che guadagno lo perdo per pagare le tasse e ogni volta mi chiedo chi me lo abbia fatto fare». Il pensiero di mollare però non è mai venuto. «No, non ci penso proprio. Piuttosto mi invento altro, all’interno del mio capannone ho inserito un negozio di souvenir, e poi ho delle barche particolari che metto a disposizione per gite turistiche o per la pesca sportiva notturna». Queste attività, che svolge soltanto nel periodo estivo, permettono ad Aiello di arrotondare lo stipendio. Anche perché in estate «le barche non hanno bisogno di manutenzione, quindi devo interrompere il lavoro con l’ascia».

Alla passione tramandatagli da suo padre si è aggiunta dunque quella per la storia e le bellezze di Castellammare del Golfo, che racconta e mostra ai turisti con orgoglio a bordo delle sue imbarcazioni. Al suo fianco, oltre alla moglie, c’è anche il fratello, pescatore come i nonni che gli hanno «insegnato i segreti del mare e le sue insidie». Un’eredità che Cristian ha fatto propria negli anni e che vorrebbe tramandare e divulgare il più possibile. «Questi lavori antichi rischiano di svanire col tempo se nessuna istituzione li valorizza come si deve», denuncia. Dal canto suo, Aiello ha organizzato diverse iniziative per far conoscere la sua arte. L’ultima, una mostra di foto all’interno del cantiere, nei mesi estivi, anche se l’ha dovuta chiudere in anticipo per via degli scomodi orari di lavoro: «In estate inizio alle sette del mattino e finisco alle due di notte, quindi non avevo molto tempo da dedicare all’esposizione», ammette il 40enne. Desideroso di dare un seguito a un'arte affascinante, ma che sembra al momento destinata a sparire.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email