Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Marsala: la carica di Barraco, siciliano d’adozione
«Roma manca, ma in Sicilia mi trovo benissimo»

Nativo della Capitale, il calciatore ormai si è stabilito nell'Isola da diversi anni: «La mia città è diventata invivibile, ormai mi sento siciliano a tutti gli effetti». Sulla situazione della squadra azzurra: «Stiamo vivendo un momento positivo, ma non dobbiamo esaltarci»

Luca Di Noto

Foto di: pagina Facebook Marsala Calcio

Foto di: pagina Facebook Marsala Calcio

«Roma mi manca tanto, ma purtroppo è diventata una città invivibile. Mi sono stabilito a Trapani perché mia moglie è trapanese. Ormai mi sento siciliano». Esordisce così a MeridioNews Dario Barraco, esterno alto classe ’85 in forza al Marsala che, ormai da qualche anno ha abbandonato la Capitale per trasferirsi in Sicilia. Una scelta di vita la sua che lo ha portato negli ultimi anni a vestire diverse casacche di squadre dell’Isola tra cui quelle di Messina, Paceco, Acireale e, appunto, Marsala. «Qui la gente è molto calorosa e mi trovo bene con tutti quanti. I tifosi mi hanno sempre manifestato grande affetto e grande stima».

Il calciatore, che in passato ha vestito anche le maglie di Trapani, Latina, Lecce, Catanzaro e Foggia, giocando in serie B e serie C, adesso è il vero e proprio uomo simbolo della squadra azzurra, quarta in classifica nel girone I di serie D: «Siamo una squadra esperta e lo sappiamo, quindi dobbiamo continuare a pensare di partita in partita». I lilibetani infatti arrivano da tre vittorie consecutive che li hanno catapultati nelle zone nobili della graduatoria: «Sicuramente è un momento positivo - prosegue Barraco - e siamo contenti. Sappiamo bene però che non dobbiamo esaltarci troppo, perché nel calcio come nella vita ci sono alti e bassi. Quindi serve restare coi piedi per terra perché nei momenti di euforia può mancare la concentrazione». Nonostante le dimissioni di mister Ignazio Chianetta, arrivate due settimane fa, la squadra ha conquistato nove punti in tre partite con il nuovo tecnico (l’ex allenatore in seconda), Vincenzo Giannusa: «Forse in un certo periodo ci girava storto. Davamo tutto con mister Chianetta e stiamo dando tutto anche adesso con mister Giannusa. L’atteggiamento è lo stesso, siamo tutti professionali e l’impegno non è mai mancato».

Barraco è uno dei calciatori più esperti a vestire la maglia azzurra del Marsala, ma anche qui gli under promettenti non mancano: «Ci sono giovani validi. A loro diamo diversi consigli, cercando di non farli perdere proprio perché abbiamo avuto tutti 18 o 20 anni e sappiamo che basta fare una cosa buona per sentirsi forti o, al contrario, fare male per sentirsi scarso». Esperienza che il calciatore fa pesare anche in zona gol, soprattutto per quel che riguarda i tanti assist sfornati per i compagni: «Questo è il mio ruolo, e comporta anche tanto sacrificio: ad esempio, il Città di Messina giocava con due esterni larghi e quindi io e Maiko (Candiano, ndr) siamo diventati quasi dei terzini per dare una mano anche dietro. Non siamo solo dei punti di riferimento per i gol».

La società è praticamente una neonata, essendo sorta lo scorso anno dopo diversi anni di assenza: «Negli anni passati il calcio a Marsala era sparito, la società ha voluto fare un progetto e ci sta riuscendo. Contro il Bari c’erano oltre quattromila spettatori». Infine, il calciatore dice di non avere obiettivi personali, ma di pensare più al bene del collettivo: «Guardo di partita in partita, anche perché ragiono più da squadra che da calciatore singolo. Non mi sono mai prefissato dei traguardi personali, anche se le cose fortunatamente sono andate sempre bene nella mia carriera».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email