Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sistema Montante, dodici rinviati a giudizio
Il processo inizierà il prossimo 17 dicembre

L'ex leader di Confindustria Sicilia - che ha scelto il rito abbreviato quindi non fa parte dei 12 rinviati a giudizio oggi - è accusato di aver creato una sorta di rete di spionaggio per ottenere informazioni sulle indagini in a suo carico

Redazione

Foto di: il fatto nisseno

Foto di: il fatto nisseno

Il Gup di Caltanissetta, Graziella Luparello, ha rinviato a giudizio 12 degli indagati coinvolti nell'inchiesta Double face sul cosiddetto metodo Montante. L'ex leader di Confindustria Sicilia - che ha scelto il rito abbreviato quindi non fa parte dei 12 rinviati a giudizio oggi - è accusato di aver creato una sorta di rete di spionaggio per ottenere informazioni sulle indagini in a suo carico. 

Saranno processati il colonnello dei carabinieri Giuseppe D'Agata; il sindacalista Maurizio Bernava; gli imprenditori del settore sicurezza Andrea e Salvatore Calì; tre dipendenti di Montante: Rosetta Cangialosi, Carmela Giardina e Vincenzo Mistretta; il sottufficiale della polizia di Stato Salvatore Graceffa; il dirigente nazionale di Confindustria Carlo La Rotonda; il maggiore della guardia di finanza Ettore Orfanello; il luogotenente Mario Sanfilippo e il colonnello dei carabinieri Letterio Romeo, quest'ultimo accusato di aver distrutto una relazione di servizio su Montante.

La loro posizione sarà unificata, probabilmente dalla prima udienza, fissata per il 17 dicembre prossimo, a quella degli imputati che avevano chiesto il giudizio immediato, saltando così l'udienza preliminare: l'ex presidente del Senato Renato Schifani, il tributarista Angelo Cuva, l'ex direttore dell'Aisi Arturo Esposito e l'imprenditore Massimo Romano

Col rito abbreviato, come Montante, verranno processati davanti al Gup Luparello anche l'ex comandante provinciale della Guardia di finanza di Caltanissetta, il colonnello Gianfranco Ardizzone, il sostituto commissario Marco De Angelis, il questore Andrea Grassi, il capo della security di Confindustria Diego Di Simone Perricone e il dirigente regionale Alessandro Ferrara. La prima udienza si terrà il 15 novembre. Resta ancora aperta la seconda inchiesta della Procura di Caltanissetta, diretta da Amedeo Bertone, su presunti accordi per ottenere finanziamenti dalla Regione in cui sono indagati, oltre ad Antonello Montante, anche l'ex governatore Rosario Crocetta, gli ex assessori alle Attività produttive Linda Vancheri e Mariella Lo Bello, e l'ex presidente di Sicindustria, Giuseppe Catanzaro.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×