Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Augusta, tangenti e corruzione all'Autorità portuale
Procura: «Gare truccate con bandi ideati dai privati»

Gli appalti finiti nel mirino della guardia di finanza sono quelli per l'hub del porto commerciale. Opere finanziate con fondi europei per un totale di cento milioni di euro. Regista del sistema corruttivo sarebbe stato l'ingegnere Nunzio Miceli. Le intercettazioni

Redazione

Bandi di gara ideati da privati, con il chiaro intento di ritagliarli su misura delle imprese che avrebbero dovuto aggiudicarsi quegli appalti. Affari nei quali poi gli stessi professionisti avrebbero ricevuto incarichi di consulenza. Sullo sfondo la pubblica amministrazione, con funzionari corrotti tramite importanti prebende. Questo il quadro tracciato dai magistrati della procura di Siracusa e dagli uomini della guardia di finanza attorno alle attività dell'Autorità portuale di Augusta

L'inchiesta ha portato all'arresto di Gaetano Nunzio Miceli, 57 anni, e dei fratelli Giovanni e Pietro Magro. I tre, con il primo che è considerato il vertice del sistema di corruzione, sono soci dello studio di progettazione Tecnass srl, società che è stata sequestrata su disposizione del tribunale. Arrestati anche i funzionari dell'Autorità portuale di Augusta, Giovanni Sarcià e Venerando Toscano, e l'ingegnere Antonino Sparatore, commissario in una delle gare d'appalto che sarebbero state truccate. Misure interdittive sono state inoltre comminate agli ingegneri Salvatore La Rosa e Francesco Patania.

Nel mirino delle Fiamme gialle sono finiti gli appalti legati ai grandi progetti per l'Hub porto di Augusta. Opere finanziate con i fondi europei, per un valore complessivo di cento milioni di euro. Protagonista assoluto del giro di corruzione sarebbe stato, come detto Nunzio Miceli, già arrestato negli passati con accuse simili sempre legate al porto di Augusta. «I bandi e i disciplinari di gara - scrivono le Fiamme gialle - non venivano direttamente predisposti dai funzionari dell’ente pubblico appaltante, bensì venivano realizzati da professionisti titolari di una società di progettazione siracusana. In alcune circostanze, taluni commissari di gara, dopo aver svolto l’incarico di componente della commissione aggiudicatrice, ricevevano - anche con lo schermo di terzi soggetti - incarichi di consulenza dalla società che si era aggiudicata l’appalto».

In questo quadro i funzionari pubblici avrebbero avuto un ruolo meramente formale, occupandosi della pubblicazione degli atti ma non intervenendo mai nel ruolo che la normativa gli assegna. I due avrebbero incassato 500mila euro ciascuno per i favori fatti. «I responsabili unici del procedimento dell’Autorità portuale si limitavano, di fatto, alla stampa e alla pubblicazione in Gazzetta ufficiale», sottolineano i finanzieri. 

I professionisti dello studio di progettazione sequestrato, attraverso questo sistema, si sarebbero garantiti consulenze - di fatto già concordate ancora prima della partecipazione alle gare - per un ammontare di circa otto milioni di euro. Miceli e soci, nel tentativo di occultare i proventi illeciti, allontanandoli dalle possibili attenzioni delle autorità italiane, avrebbero fatto riferimento a tre società maltesi il cui ruolo, stanto ai magistrati, non sarebbe stato altro che quello di incassare i compensi. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

La Sicilia dove l'acqua è un lusso

L'emergenza Messina è solo la punta dell'iceberg di un'Isola assetata: da Gela ad Agrigento. Dove fiorisce il mercato nero

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×