Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regione dispone la pulitura di oltre 80 corsi d'acqua
Musumeci: «250 milioni alla Sicilia come al Veneto»

Il governatore fa il punto sullo stato dell'arte in materia di dissesto idrogeologico: «La gente ha detto di non aver mai visto un intervento disposto dalle autorità». In settimana dovrebbe essere istituito anche un comitato tecnico scientifico composto da esperti

Miriam Di Peri

Foto di: Gabriele Ruggieri

Foto di: Gabriele Ruggieri

«Abbiamo disposto la pulitura di oltre 80 corsi d’acqua. Non mi chiedete da quanto tempo non ricevevano manutenzione, sappiamo soltanto che la gente dei luoghi ci diceva di non avere mai visto un intervento disposto dalle autorità». A fare il punto sullo stato dell’arte in materia di dissesto idrogeologico e tutela del territorio è il governatore Nello Musumeci, che illustra quanto approvato dalla giunta insieme al ddl anti-abusivismo e racconta di come i primi 30 interventi siano già stati dichiarati di somma urgenza

«Non serve sottolineare che la pulizia di un fiume consente che l’acqua possa defluire senza ostacoli. Laddove, invece, trova ostacoli, si verificano i danni», aggiunge Musumeci. Ma per sapere dove, come e quando saranno programmati gli interventi bisognerà attendere ancora un po’. Quel che è certo al momento è che i corsi d’acqua in Sicilia, tra fiumi, torrenti e ruscelli, sono oltre 500. È tra questi che bisognerà fare una scrematura per arrivare agli 80 interventi nelle principali vie fluviali tra cui ci saranno quelli nel Salso, Verdura e Gornalunga.

Per intervenire nei corsi d’acqua tristemente protagonisti delle cronache delle ultime settimane (il Milicia, ma non solo) bisognerà attendere il deflusso di acque e fanghi, per cui - tempo permettendo - prima della settimana prossima non si potrà fare nulla.

Il presidente della Regione torna sul tema dell’eredità trovata alla Regione, che «in 29 anni dall’entrata in vigore della normativa corrente, non aveva mai istituito l’Autorità di bacino, che è proprio quella struttura interdipartimentale necessaria a mettere insieme le competenze frammentate tra diversi dipartimenti, per occuparsi della programmazione e gestione degli interventi sui corsi d’acqua, ma anche del dissesto, della vulnerabilità dei territori, della pulizia idraulica».

Già in settimana dovrebbe essere istituito anche il comitato tecnico-scientifico, che sarà composto da docenti universitari ed esperti segnalati dagli ordini professionali. «Non avranno alcun compenso - aggiunge Musumeci - se non un minimo rimborso spese. Non vogliamo perdere nemmeno un giorno».

Stanziati, intanto i primi 7 milioni di euro «per la pulizia dei primi corsi d’acqua già nel mese di settembre», Musumeci ammette di non aver ancora quantificato i danni degli eventi alluvionali. «Stimiamo tra i 600 e i 700 milioni di euro alle cose pubbliche, ai quali vanno aggiunti i danni ai privati, prevalentemente imprese agricole. Leggo sui giornali che il governo avrebbe stanziato come primo intervento 250 milioni di euro per il Veneto. Ecco, anche la Sicilia si accontenterebbe della stessa somma».

E se i 5 stelle con Valentina Zafarana attaccano il governo, reo di aver lavorato troppo a rilento sul fronte della prevenzione del dissesto idrogeologico e chiedono la rimozione del commissario Maurizio Croce, è Musumeci a rispondere, punto per punto. Precisando intanto che «il commissario per il dissesto idrogeologico sono io, mentre Maurizio Croce è il soggetto attuatore».

In ogni caso, secondo i dati snocciolati dal governatore, la struttura nei primi 11 mesi «ha varato 40 interventi per 110 milioni di euro, di cui 20 già aggiudicati e 3 già completati. Commissario e soggetto attuatore - ha aggiunto - agiscono con poteri ordinari, anche noi siamo nelle maglie di questa burocrazia, contro la quale bisogna dichiarare guerra. Entro dicembre saranno avviati altri 15 interventi per 48 milioni di euro e - conclude - verranno aggiudicate altre 15 gare d’appalto».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La Sicilia dove l'acqua è un lusso

L'emergenza Messina è solo la punta dell'iceberg di un'Isola assetata: da Gela ad Agrigento. Dove fiorisce il mercato nero

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×