Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Pesca, sequestro a imprenditore di Mazara
Evasione fiscale per quasi tre milioni di euro

Durante i controlli la guardia di finanza ha ricostruito un commercio di prodotti ittici per circa 15 milioni completamente a nero. Coinvolte anche due imprese compiacenti che avrebbero gonfiato fatture di vendita, indicando quantità di pescato superiori a reali

Redazione

La Tenenza della Guardia di Finanza di Mazara del Vallo, su delega della Procura di Marsala, ha eseguito nei giorni scorsi un sequestro preventivo nei confronti di un imprenditore di Mazara del Vallo, titolare di una società operante nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti della pesca, la quale, all’esito di una verifica fiscale effettuata dalla suddetta tenenza anche con l’ausilio di accertamenti bancari, è risultata aver sottratto all’erario imposte dirette ed Iva per circa 2,8 milioni di euro. 

La predetta società, ora in fallimento e solo apparentemente amministrata dalla moglie dell’imprenditore ma di fatto gestita unicamente da quest’ultimo, ha infatti realizzato vendite a nero di prodotti della pesca per circa 15 milioni di euro negli anni dal 2014 al 2016 nel corso dei quali ha anche annotato fatture false emesse da altre due imprese “satelliti” sedenti a Mazara, anch’esse assoggettate ad ispezione fiscale da parte dei finanzieri. Queste ultime, in particolare, si sono prestate a “gonfiare” sistematicamente le fatture di vendita di prodotti della pesca, indicando quantità di pescato non riportate ovvero superiori a quelle riportate nel giornale elettronico di bordo dei motopescherecci impiegati nelle battute di pesca, ragion per cui i rispettivi titolari sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Marsala per il reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti. 

Da tali approfondimenti fiscali è scaturito il sequestro preventivo in rassegna, eseguito nella forma “per equivalente” fino alla concorrenza delle imposte dirette ed Iva complessivamente evase. La misura ablatoria ha quindi colpito le disponibilità liquide ed i beni mobili e immobili riconducibili all’imprenditore mazarese e alla moglie, tra cui un grosso fabbricato e un’abitazione civile nella città di Mazara e una signorile villetta nella rinomata località balneare di Tonnarella. A dispetto dell’elevato tenore di vita manifestato sia attraverso il possesso in leasing di un’autovettura di lusso che attraverso la disponibilità di numerosi immobili, ora finiti tutti sotto sequestro, i redditi dichiarati dall’imprenditore in parola e dalla consorte, formalmente contitolare del capitale sociale della società verificata, non hanno mai superato, a testa, i 15 mila euro annui. 

(Fonte: Comando provinciale guardia di finanza di Trapani)

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

La Sicilia dove l'acqua è un lusso

L'emergenza Messina è solo la punta dell'iceberg di un'Isola assetata: da Gela ad Agrigento. Dove fiorisce il mercato nero

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×