Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani, trovati 220 chili di marijuana in un capannone
Arrestato pregiudicato Salvatore Adamo e un complice

Redazione

Nella serata di domenica, i poliziotti della Squadra Mobile di Trapani hanno arrestato i calatafimesi ADAMO Salvatore, pluripregiudicato mafioso di anni 58 e BRUCCOLERI Bruno, di anni 45, i quali, a seguito di un’articolata operazione di polizia, sono stati colti nella disponibilità di oltre 220 chilogrammi di marijuana. 

I due sono stati fermati a bordo di una Golf Station Wagon, mentre percorrevano una strada interpoderale, a pochi metri da un grande capannone ubicato nell’entroterra trapanese, in località Riina-Paganazzo. Alla vista del personale in borghese, i due hanno tentato di darsi alla fuga, ma sono stati prontamente bloccati; dopodiché, i poliziotti hanno proceduto al controllo del mezzo, nel cui portabagagli hanno rinvenuto 4 grandi sacchi, ciascuno contenente circa Kg 8 di marijuana.

Essendo evidente che lo stupefacente fosse stato poco prima prelevato da quel capannone, gli investigatori vi effettuavano una perquisizione, rinvenendo altri 24 sacchi che, per peso, forma e dimensione, erano del tutto uguali a quelli trovati all’interno dell’autovettura. Complessivamente, lo stupefacente di cui i due avevano disponibilità ammonta a circa 220 chilogrammi. Una volta immesso sul mercato, la droga avrebbero loro fruttato un guadagno stimabile in oltre 250.000 euro. 

I poliziotti hanno anche sequestrato una grande bilancia, utilizzata per la pesa della droga, nonché dei sacchi vuoti e delle cesoie, utilizzate dagli arrestati per lavorare gli arbusti ed effettuare la ripartizione dello stupefacente. Dopo gli adempimenti di rito, l’ADAMO e il BRUCCOLERI sono stati condotti presso la casa circondariale di Trapani. A seguito del giudizio di convalida, celebratosi nella mattina di martedì, il GIP di Trapani ne ha disposto la custodia cautelare in carcere. 

L’ADAMO Salvatore è soggetto noto agli Uffici investigativi per essere organico alla famiglia mafiosa di Calatafimi. Sul suo conto gravano condanne per associazione a delinquere di stampo mafioso e per tentato omicidio.

(Fonte: comando provinciale dei carabinieri di Trapani)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×