Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

L'Ars omaggia Rita Borsellino, «un patrimonio comune»
Fava: «Rigore e mitezza». Cancelleri: «Per lei votai Pd»

All'inizio della seduta, i rappresentanti di tutti i gruppi parlamentari hanno preso la parola per ricordare l'ex deputata morta lo scorso Ferragosto. L'assessore Cordaro: «Ha sempre preso le distanze dall'antimafia delle apparenze»

Redazione

«Un patrimonio comune». L'Assemblea regionale siciliana ha iniziato oggi la seduta con un omaggio a Rita Borsellino. I rappresentanti di tutti i gruppi parlamentari hanno voluto ricordare l'ex deputata e candidata alla presidenza della Regione morta lo scorso Ferragosto. Partendo dal Pd, con Giuseppe Lupo, fino a Claudio Fava, passando per la maggioranza di centrodestra, storicamente dall'altra parte della barricata nelle battaglie politiche di Borsellino. 

«Ha tenuto insieme rigore e mitezza, cosa rara. La mitezza non le fu di ostacolo a raccontare le cose esattamente come andavano raccontate», ricorda Fava che mette in fila una serie di parole «a cui Rita Borsellino ci ha insegnato a dare un nuovo significato». La parola memoria: «Non vissuta passivamente - continua Fava - come attesa, ma una scelta di militanza da ripetersi ogni giorno. E anche la parola legalità, che lei che sempre accompagnato alla pietas, grazie a uno sguardo non offuscato dal dolore e dalla rabbia, ma capace di trovare sempre i segni di umanità. Per questo Rita Borsellino non è di parte, ma è un patrimonio di quest'aula, dei siciliani e della nazione».

Concetto sostenuto anche da Forza Italia. «Per noi è un esempio da seguire per sobrietà, cultura, educazione e buoni comportamenti», ricorda il deputato Tommaso Calderone. «Rita Borsellino - afferma Giancarlo Cancelleri, del Movimento 5 stelle - è riuscita a farmi votare il Pd, nel 2006 infatti ho votato per lei e per il Partito democratico. Rita Borsellino va oltre i partiti, perché ti accendeva la voglia di essere siciliano. Io mi sono stancato di commemorare, quando se ne vanno hanno tutti parole di grande elogio, ma dobbiamo vivere nei loro insegnamenti, altrimenti domani ce ne saremo dimenticati». 

Infine, per conto del governo, è stato l'assessore Toto Cordaro a prendere la parola, ricordando «la presa di distanza di Rita Borsellino dall'antimafia delle apparenze. Quando i più si uniformavano, lei diceva di no».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La Sicilia dove l'acqua è un lusso

L'emergenza Messina è solo la punta dell'iceberg di un'Isola assetata: da Gela ad Agrigento. Dove fiorisce il mercato nero

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×