Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani, 1.500 presenze per Un mediterraneo di pace
Disoccupato: «Colpire chi scappa non risolve le cose»

Successo per l'iniziativa promossa da 80 realtà tra associazioni, enti, operatori turistici. Protagonista principale della manifestazione è stato il cous cous, piatto della pace per eccellenza. Attorno al tavolo le testimonianze di migranti e italiani. Guarda le foto

Pamela Giacomarro

Foto di: Chiara Vario

Foto di: Chiara Vario

Trapani è mille colori, odori, sapori. La città che abbraccia i due mari e spalanca le porte dell'Europa. In migliaia attorno allo stesso tavolo perché «quello che la paura divide la cultura unisce». E il cibo è cultura, tradizione, condivisione. In 1500 hanno partecipato a Un mediterraneo di Pace, iniziativa promossa da un gruppo di giovani che in poco tempo ha raccolto le adesioni di oltre 80 realtà, associazioni, enti, società sportive, ristoratori, operatori turistici. 

Protagonista principale della manifestazione è stato il cous cous, piatto della pace per eccellenza. Sul lungo tavolo, allestito nel cuore del centro storico, pietanze di diversi paesi e tra una portata e l'altra, spazio ai racconti dei migranti, quelli che sono riusciti a superare le barriere della Fortezza europa. Storie di speranza, ma soprattutto di voglia di riscatto e libertà. Un miscuglio di sapori, religioni e tradizioni. 

C'è Ibrahim, che ha raccontato il suo percorso di integrazione. Fuggito dal Senegal, è arrivato in Italia nel 2016. «Studiavo - racconta - poi sono stato costretto ad andare via e mi sono trasferito in Burkina Faso, ma anche lì le cose non andavano bene, così sono andato in Libia, nella speranza di raggiungere l'Italia per trovare lavoro, una nuova vita. Ricordo ancora la traversata: quattro giorni in mare, eravamo più di cento, stipati come bestie a bordo di un barcone». A differenza di tanti che non sono mai arrivati, lui ce l'ha fatta. Oggi è perfettamente integrato e fa l'arbitro di pallavolo. 

C'è anche Leo, oggi barista a raccontare il suo arrivo. «Quando ho raggiunto l'Italia - ha sottolineato nel corso del suo breve intervento - i nemici da combattere erano gli albanesi. Oggi la storia si ripete, oggi bisogna combattere gli africani». Alle loro storie si mescolano quelle di tanti giovani e non. C'è Giuseppe, attualmente disoccupato. «Non so cosa mi riserverà il futuro, attualmente sono in cerca di lavoro. Sono tempi duri, ma prendersela con questi poveri disgraziati che fuggono per ragioni diverse non cambierà di certo le cose. La colpa è solo di chi non ha saputo governare». 

Proprio sul lavoro si è concentrato il discorso di Peter, che adesso è un operatore della Croce Rossa. «Quello che chiediamo è solo di lavorare in maniera regolare, con contratti adeguati. In un paese dove vige il caporalato questa deve essere una battaglia comune, non solo per i migranti, ma anche per gli stessi italiani. Nessuno deve essere sfruttato. Siamo tutti fratelli, nelle nostre vene scorre lo stesso sangue». Il sorriso di Mohammed incrocia quello di nonna Caterina. «Il cous cous io lo mangio con il pesce, ma anche questo è buono», dice l'anziana. Sul perché ha voluto partecipare afferma: «Vedo alla televisione le immagini di questi che scappano e mi piange il cuore, penso che potrebbero essere i miei nipoti. Io sono una di chiesa e il Signore insegna che bisogna aiutare tutti. Siamo tutti fratelli e sorelle».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La Sicilia dove l'acqua è un lusso

L'emergenza Messina è solo la punta dell'iceberg di un'Isola assetata: da Gela ad Agrigento. Dove fiorisce il mercato nero

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×