Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Rubano libri dalla casa natale di Quasimodo
Ladri scovati da polizia: erano due visitatori

Una 48enne e il compagno 49enne hanno consegnato nel corso di una perquisizione nel loro B&b i due libri spariti il giorno prima dalla casa museo del celebre poeta nativo di Modica. A denunciare il fatto era stata l'associazione che gestisce il luogo

Redazione

Personale della Polizia di Stato nella serata del 24 agosto in servizio di controllo territorio veniva allertato da una dipendente del museo, Casa Natale di Salvatore Quasimodo, ubicato nel centro storico di Modica. Secondo la denuncia, poco prima due turisti che avevano visitato il sito si erano impossessati di due testi di pregio riposti all’interno della stessa. Il personale operante apprendeva dai collaboratori dell’associazione culturale Proserpina, che si occupa delle visite guidate e della custodia della struttura, che avevano notato una coppia di turisti che con fare sospetto si aggirava per gli ambienti del Museo; i due erano stati rimproverati perché trovati con degli oggetti in mano, messi in mostra ai visitatori.

Dopo l’allontanamento dei due visitatori i responsabili della casa museo avevano accertato l’ammanco di due testi storici dello scrittore e specificatamente: Lettere d’amore a Maria Cumani e Tutte le poesie di Salvatore Quasimodo, entrambi sottoposti, così come altro materiale e l’intero immobile, alla tutela della Sovrintendenza ai Beni Culturali di Ragusa.

Il personale addetto alla custodia del sito forniva una dettagliata descrizione dei due giovani turisti e del loro abbigliamento e aggiungeva che i medesimi, oltre a tenere durante la visita un comportamento strano, non avevano pagato il ticket d’ingresso allontanandosi repentinamente approfittando della presenza di altri visitatori.

Il personale dipendente informava questa sala operativa della descrizione dei due sospettati e nelle ore seguenti si dava notizia dell’accaduto alle altre pattuglie operanti sul territorio, che espletavano sul territorio una capillare ricerca dei due soggetti, attenzionando i luoghi maggiormente frequentati da turisti in questo centro, compreso le frazioni balneari.

Nella mattinata successiva presso una fermata di pullman di corso Umberto I, operatori di Polizia in servizio di Volante, già intervenuti nella giornata precedente, notavano una coppia che corrispondeva nelle fattezze, ed in particolare nell'abbigliamento, ai due sospettati autori del furto presso il citato Museo. Questi venivano identificati ed a carico della donna emergevano pregiudizi specifici per reati contro il patrimonio. Invitati in questi Uffici si chiedeva contezza del loro alloggio in questo centro, indicato in un noto B&B di via Vittorio Veneto. Sottoposta a perquisizione e controllo la camera in uso ai predetti, il compagno della donna, resosi conto delle proprie responsabilità, consegnava agli operatori i due libri asportati nella giornata precedente.

Successivamente i responsabili del Museo riconoscevano i due visitatori e quanto da loro asportato, provvisto di regolare numero di inventario. La merce trafugata veniva restituita al personale dell’associazione culturale.

Al termine di tale attività di polizia giudiziaria i due autori del furto, A.E. di anni 48 e il compagno D.R. di anni 49, venivano segnalati alla locale autorità giudiziaria per furto aggravato in concorso, entrambi originari di Palermo e residente in quella provincia. L’attività di prevenzione e contrasto alla commissione dei reati in genere condotta dal personale del commissariato di Modica, ha ancora una volta dimostrato rapidità ed efficacia nell'assicurare alle loro responsabilità gli autori di tale gesto inqualificabile, posto in essere ad uno dei beni più cari alla comunità di questo centro, recuperando per uno dei siti più importanti di Modica quanto maltolto.

(Fonte: ufficio stampa questura di Ragusa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×