Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Aumento stipendio forestali, è polemica tra sindacati
Sifus: «Mossa di Musumeci per non ricevere critiche»

Maurizio Grosso attacca la disponibilità di Cgil e Cisl a firmare il contratto che ricalca l'impostazione di quello immaginato da Crocetta sul finire della passata legislatura: «Il governo ha ottenuto l'impegno a non avere rotte le scatole»

Simone Olivelli

Foto di: mike palazzotto

Foto di: mike palazzotto

Cracolicizzazione. L'apparente ritrovata intesa tra Regione e forestali passa per un neologismo che attinge a piene mani al periodo in cui - in piena epoca Crocetta - tra politica e sindacati non solo non correva buon sangue, ma volavano le querele. A coniarlo è un'altra sigla, la Sifus, spesso distante dai sindacati confederati e anche in questo caso critica rispetto alla firma del nuovo contratto triennale che porterà nelle buste paghe degli operai forestali 85 euro in più al mese, per tre anni. «Si è registrata la cracolicizzazione del governo Musumeci, grazie all'approssimazione degli assessori Bandiera e Cordaro», dichiara Maurizio Grosso, ovvero colui che nei mesi scorsi aveva dimostrato una maggiore disponibilità al dialogo con il nuovo presidente della Regione, dopo le tensioni degli anni scorsi con gli assessori Maurizio Croce e Antonello Cracolici.

E il riferimento di Grosso va proprio all'ex assessore regionale all'Agricoltura: era stato proprio Cracolici - il deputato dem ieri non ha mancato di ricordarlo - a chiudere l'accordo sul nuoco contratto poco prima del ritorno al voto per le Regionali del novembre scorso. Una mossa che per il Sifus non era altro che una mossa elettorale, per stemperare le acque e riallacciare i rapporti in vista delle urne. A quelle promesse, invece, ha dato seguito due giorni fa il governo Musumeci, tramite gli assessori Toto Cordaro, che ha parlato di «sensibilità» della giunta, ed Edy Bandiera. Una mossa accolta favorevolmente da Flai Cgil e Fai Cisl, ma che invece una volta di più trova l'opposizione di Sifus. «Alla fine ha vinto la pace tra il governo Musumeci e la banda Bassotti - scrive Grosso su Facebook -. I primi hanno ottenuto l'impegno a non avere rotte le scatole rispetto alla palese approssimazione manifestata nella gestione del comparto, i secondi novemila ore di permessi sindacali per garantire i propri privilegi e le clientele».

Un attacco frontale che segna un momento di discontinuità rispetto alle aperture che Sifus aveva evidenziato in primavera quando, nel pieno delle tensioni per i ritardi nell'approvazione del bilancio e contestualmente nell'avvio delle assunzioni degli operai stagionali, il sindacato si era mostrato paziente. Un po' perché bisognava dare al nuovo governo il tempo per andare a regime e un po' perché l'obiettivo era a lungo termine: la riforma del settore su cui, stando agli annunci di Musumeci, si inizierà presto a lavorare. «Sappiano che, se la cracolicizzazione è il loro obiettivo anche per la riforma del comparto, il Sifus la fermerà come ha fermato quella di Cracolici - avverte Grosso -. Il Sifus, per i primi di settembre, ha già convocato il suo parlamento regionale per definire le azioni da assumere in difesa e a sostegno del settore. La vicenda - conclude il sindacalista - rappresenterà sicuramente parte integrante del prossimo autunno caldo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews