Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Stato-Regione, riparte negoziato su autonomia finanziaria
Musumeci: «Fiduciosi di arrivare a soluzioni vantaggiose»

Il riavvio del dialogo è stato sancito oggi nell’ambito di un incontro a Roma tra il ministro per gli Affari regionali e le autonomie, Erika Stefani e il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci

Redazione

Riparte il negoziato sull’autonomia finanziaria tra Stato e Regione. Il riavvio del dialogo è stato sancito oggi nell’ambito di un incontro a Roma tra il ministro per gli Affari regionali e le autonomie, Erika Stefani e il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci. Alla riunione, che si è tenuta nella sede del ministero, hanno partecipato anche l’assessore all’Economia, Gaetano Armao e il ragioniere generale della Regione, Giovanni Bologna.

«Abbiamo evidenziato al ministro - afferma il governatore - quali ricadute negative ci siano state e ci siano sul bilancio regionale a seguito della mancata revisione delle norme di attuazione dello Statuto in materia finanziaria, che risalgono a oltre cinquanta anni fa. Il governo ha già proceduto alla riscrittura delle stesse, in particolare per quanto riguarda gli articoli 36, 37 e 38, uniformandole anche agli orientamenti della Corte costituzionale, che più volte ha auspicato una riconsiderazione complessiva dei rapporti finanziari tra Stato e Regione, nell’ottica di una diminuzione dei contenziosi. Siamo fiduciosi che con la riapertura del negoziato si possa arrivare a soluzioni vantaggiose per la nostra Isola».

La bozza delle nuove norme di attuazione, approvate dal governo regionale con una delibera di Giunta dello scorso 15 maggio, puntano soprattutto a nuovi meccanismi di riconoscimento della condizione di insularità, di fiscalità di sviluppo, della possibilità di vantaggi economici nei confronti di coloro che vengano a investire o a vivere nell’Isola. Altri temi trattati al tavolo con il ministro Stefani sono stati quelli del prelievo forzoso (duecento milioni di euro) sulle ex Province e sul contributo per il risanamento della finanza pubblica che pesa ogni anno sulle casse della Regione per un miliardo e trecento milioni di euro.

«Si apre di buona lena un negoziato - commenta l’assessore Armao - che può dare grandi opportunità alla Sicilia, soprattutto per quanto riguarda il riconoscimento dell'autonomia finanziaria, dell’insularità, della fiscalità di sviluppo e della perequazione infrastrutturale per i diritti dei siciliani».

Proprio ieri, il presidente Musumeci ha designato i docenti universitari Enrico La Loggia e Felice Giuffrè quali componenti della Commissione paritetica per le norme di attuazione della Regione, ai sensi dell’articolo 43 dello Statuto. Gli altri due componenti saranno indicati proprio dal ministro Stefani, che procederà anche alla firma del decreto per la ricomposizione della Commissione.

(Fonte: ufficio stampa presidenza della Regione)

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews