Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Rifiuti, sette ditte per l'installazione degli impianti mobili
«Aiuto alle discariche, resta una misura emergenziale»

Sono cinque siciliane e due del Centro-Nord le imprese che hanno risposto alla manifestazione di interesse indetta dall'assessorato regionale. Gli interventi serviranno a effettuare alcuni trattamenti in una fase precedente al trasporto dell'immondizia

Simone Olivelli

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Sono sette le ditte che hanno risposto alla manifestazione di interesse indetta, a inizio giugno, dall'assessorato regionale ai Rifiuti nell'ottica d installare impianti mobili in cui effettuare le operazioni di pretrattamento - come l'apertura dei confezionamento, travaso, infustamento, impacchettamento - e biostabilizzazione dei rifiuti indifferenziati. Si tratta di una misura propedeutica all'avvio della riforma del settore - il cui piano ancora va redatto - con l'obiettivo di tirare fuori la Sicilia dall'emergenza

A farsi avanti sono state Ambientalia srl, società con sede a Dozza, in provincia di Bologna; la Traina srl di Cammarata, la siracusana Ecoambiente Italia srl*, l'Entsorga srl di Tortona (Alessandria) ma legata all'omonima società che ha sede nella Virginia Occidentale, la Ecoimpianti srl di Floridia, la Gm srl di Cinisi e la Sereco, impresa che ha sede legale a Santa Flavia. Ognuna di esse ha dato la propria disponibilità in merito agli impianti in proprio possesso: per esempio, nel caso di Ambientalia, la società ha fatto sapere di essere produttrice di un impianto di biostabilizzazione, mettendosi a disposizione della Regione per la fornitura dello stesso.

Adesso bisognerà capire la Regione come deciderà di muoversi. Ovvero quanti impianti mobili prevedere e dove installarli, nella consapevolezza che si tratta di una scelta che rientra ancora nelle misure straordinarie per alleggerire lo stress sulle discariche. Tenendo comunque a mente che l'obiettivo dichiarato del governo Musumeci è quello di ridurre drasticamente i conferimenti, facendo crescere la differenziata. «Gli impianti mobili hanno una utilità in un contesto emergenziale - dichiara l'esperto Aurelio Angelini, che nei mesi scorsi ha collaborato con il governo regionale -. Innanzitutto servono a eseguire una serie di trattamenti meccanici sul rifiuto, che altrimenti vengono svolti negli impianti fissi che si trovano nelle discariche, ovvero in particolar modo quelli di Bellolampo, contrada Coda di Volpe a Lentini e, il più piccolo, di Sicula Castellana». 

Il primo risparmio, dunque, sarà sui trasporti. «A viaggiare sui camion sarà una maggiore percentuale di materiale che verrà realmente conferito - continua Angelini - Ma al contempo sarà migliorata la qualità di questi trattamenti, perché gli impianti mobili garantiscono il rispetto dei tempi richiesti dagli stessi con la conseguenza di rendere il rifiuto meno inquinante».

*Aggiornamento del 8 agosto 2018:
A differenza di quanto erroneamente riportato in un primo momento la Ecoambiente Italia srl non ha nulla a che fare con la signora Maria Grazia Di Francesco, che è invece titolare di un'altra società, la Ecoambiente srl e in questa veste risulta
tra gli indagati dell'inchiesta sulla gestione dei rifiuti speciali a Camastra.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews