Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Maurizio Ciaculli risarcito come vittima del racket
Via libera all'indennizzo per imprenditore di Vittoria

Ha denunciato la Lidl e il gruppo Napoleon e ancora ha fatto i nomi di chi lo ha intimidito. Due vicende processuali contorte e ancora in corso, ma intanto arriva una prima buona notizia dal fondo nazionale vittime delle estorsioni. Oggi compare in commissione Antimafia

Danilo Daquino

Un risarcimento di centomila euro per danni ambientali e biologici. È quanto è stato riconosciuto a Maurizio Ciaculli, l’imprenditore agricolo di Vittoria che ha ricevuto numerose intimidazioni e che ha denunciato la Lidl e il gruppo Napoleon, vicende contorte per le quali sono stati aperti due processi, uno per le minacce di un esponente della cosca mafiosa, e l’altro contro la nota azienda della Grande distribuzione.

«A distanza di quattro anni, solo dieci giorni fa mi è stato assegnato un indennizzo per danni ambientali permanenti di 38 punti – spiega a MeridioNews Ciaculli – ovvero per tutte le vicende che mi sono accadute, per le pressioni ricevute, e per tutte le denunce che ho fatto in questi anni». All’imprenditore è stata riconosciuta la legge 44 del 1999, che elargisce una somma di denaro ai soggetti danneggiati da attività estorsive. Ai danni ambientali vanno aggiunti quelli biologici per «lo stress, gli stati d’ansia e la perdita di peso riconosciuti nel referto della psicologa». 

Un indennizzo è stato elargito anche ai soci della ex Cng Srl, «l’azienda, purtroppo fallita, con la quale abbiamo fatto la denuncia contro la Lidl. Sono stati ritenuti vittime – racconta l’imprenditore – dei danni legati alla mancata produzione». A differenza di Ciaculli, che sarà risarcito per i danni subiti sulla sua persona, «riceveranno dei fondi che dovranno essere investiti per l’avvio di una qualsiasi attività economica e rendicontanti entro un anno allo Stato. Naturalmente – sottolinea l’uomo – sono delle somme che non compensano il danno causato all’azienda, però un grande passo avanti è stato fatto grazie in particolare al nuovo Prefetto di Ragusa». 

Dello stesso parere anche Giuseppe Nicosia, legale dell’imprenditore, che a MeridioNews dichiara: «Ci sembra di essere arrivati a un risultato utile, su cui si è lavorato da anni, anche se non è per nulla soddisfacente in quanto non paragonabile al danno subito da Ciaculli e a quanto dovrebbe fare un governo e un ministero per sostenere chi denuncia il racket». 

Intanto, oggi alle ore 15, Ciaculli è comparso davanti alla Commissione Antimafia Sicilia, per parlare di agromafie nella Regione e non solo. «Nonostante le intimidazioni subite da Giacomo Iannello, esponente della criminalità locale che mi aveva intimato di ritirare le mie denunce per non andare a processo - ricostruisce Ciaculli - non sono stato sottoposto ad alcune protezione». Oggi Iannello si trova in carcere per omicidio ma, denuncia l’imprenditore, «in giro ci sono i suoi picciotti, e io ho una famiglia da salvaguardare». Per queste minacce è stato aperto un processo a parte. «In commissione farò nomi e cognomi degli esponenti di Cosa nostra infiltrati nella grande distribuzione organizzata, e parlerò anche del sistema commerciale di Vittoria».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email