Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Migranti, i 450 salvati aspettano a largo di Pozzallo
Otto trasferiti per denutrizione, mamma pesa 35 chili

Le persone si trovano a bordo del pattugliatore Protector, della missione europea Frontex, e di un mezzo della Guardia di finanza. Nel tardo pomeriggio i due mezzi sono arrivati in rada di fronte al porto ragusano. In aggiornamento

Redazione

È stato completato da pochi minuti il trasbordo dei 450 migranti che erano a bordo del barcone a largo di Linosa: 176 persone sono infatti sul pattugliatore Protector, inserito nel dispositivo europeo Frontex, e altre 266 sul Monte Sperone della Guardia di finanza. Otto persone, tutte donne e bambini, sono invece state già trasportate a Lampedusa a bordo di motovedette della Guardia Costiera per motivi sanitari.

Per ore è stato chiaro dove le due navi sbarcheranno, le due ipotesi erano Porto Empedocle, il porto più vicino al luogo del salvataggio, o Pozzallo. Alla fine la scelta sarebbe caduta sul porto ragusano. Il pattugliatore Protectorm a metà pomeriggio, è arrivato nella rada di Pozzallo, mentre quello della Gdf, con a bordo gli altri 266 migranti, si trova, invece, al momento al limite delle acque territoriali. Le due imbarcazioni attendono disposizioni. Intanto a bordo delle due navi arriveranno viveri e medicine oltre ad una equipe di medici.

ll premier Giuseppe Conte nelle ore precedenti avrebbe lavorato «per un accordo con gli altri paesi Ue per una redistribuzione immediata dei 450. Se non ci sono risposte dai partner e in queste condizioni ai 450 non sarà consentito di sbarcare». Lo riferiscono fonti di governo, al termine di una «lunga e cordiale» telefonata con Matteo Salvini. Le due ipotesi alternative sono «contatti con la Libia per il loro eventuale rientro sulle coste libiche da dove sono partiti o la permanenza a bordo delle navi dove fare riconoscimenti ed esame richieste».

Intanto gli otto eritrei trasferiti a Lampedusa vengono descritti dal personale del poliambulatorio «in grave stato di denutrizione e molto disidratati. Ci porta alla mente - dice una di loro gli effetti dei campi di concentramento tedeschi della seconda guerra mondiale. Uno dei ragazzi che parla un po' di inglese ci ha raccontato che per diversi mesi hanno potuto mangiare solo 30 grammi di pasta al giorno e nient'altro». Nel corridoi ci sono due giovanissimi: li hanno medicati e aiutati a rifocillarsi, facendo ritornare loro il sorriso. In una stanza, in isolamento, è invece ricoverato un ragazzo al quale è stato diagnosticata la tubercolosi.

Una di loro, una donna 27enne pesa 35 chilogrammi e avrebbe trascorso «sette mesi drammatici» in Libia, dove sarebbe stata anche violentata. Da Lampedusa è stata trasferita nel pronto soccorso dell'ospedale Civico di Palermo. Stando a quanto ricostruito dall'Ansa, non parla, tanta è la stanchezza, ma anche la paura, che le incutono i ricordi che non riesce a cancellare. Ma appena arrivata in ospedale ha trovato la forza di gridare, indicando la figlia di 4 anni che era con lei: «Non mangia da tre giorni, aiutatela, datele del cibo, subito, vi prego». Poi si è chiusa in un silenzio carico di tensione da smaltire. 

Ed è stata la bambina, dopo avere mangiato latte e biscotti, a prendersi cura di lei. È stata lei a scegliere, a Lampedusa, i vestiti per la madre tra quelli messi a disposizioni da associazioni di volontari. Ed è lei a tentare di farla sorridere cantando e ballando. Per la musica ha usato un cellulare messo a tutto volume. Ha cantato e danzato apparentemente felice. La madre l'ha guardata, ed è sembrata sorridere anche lei, ma soltanto con gli occhi, non ha la forza per fare altro.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×