Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Enna, tornano in carcere i cugini Nicosia
Accusati di aver fatto a pezzi un tabaccaio

Maurizio Giuseppe Nicosia e Michele Nicosia erano già stati arrestati a febbraio del 2017, ma la misura era stata revocata. Ieri la nuova svolta. Avrebbero ucciso Giuseppe Bruno, dandolo poi in pasto ai maiali. Sono accusati anche di associazione mafiosa

Redazione

Nuova misura cautelare in carcere per Maurizio Giuseppe Nicosia, 55 anni (già detenuto per altra causa), e Michele Nicosia, 54, cugini originari di Villarosa accusati di associazione mafiosa e di aver ucciso, con inaudita violenza, il tabaccaio Giuseppe Bruno, scomparso nel nulla il 27 maggio del 2004. Lo ha deciso la sezione del Riesame del Tribunale di Caltanissetta che ha dato ragione alla Direzione distrettuale antimafia nissena, dopo che, in un primo momento, i legali dei cugini Nicosia avevano ottenuto la scarcerazione. 

I due erano stati arrestati il 22 febbraio del 2017, nell'ambito dell'operazione Fratelli di sangue, che ha fatto luce sulla mafia di Villarosa e su alcuni episodi particolarmente cruenti. In quel caso finirono in carcere anche altri due esponenti della stessa famiglia: Damiano e Amedeo Nicosia, 60 e 51 anni. Tutti accusati di associazione mafiosa, finalizzata a commettere omicidi, usura, traffico di droga, detenzione e porto d'armi. Nonché del tentativo di gestire il controllo delle attività economiche del territorio.

Nonostante il Tribunale avesse inizialmente confermato la misura restrittiva, la Corte di Cassazione - su richiesta degli avvocati per la sola parte dell’ordinanza riguardante l’omicidio di Bruno - ha deciso la revoca del provvedimento. La Dda ha presentato ricorso in Cassazione e la Suprema Corte ha annullato l’ordinanza di revoca della misura restrittiva emessa dal Tribunale del Riesame, chiedendo al contempo a quest’ultimo di pronunciarsi per una terza volta. Nella mattina di ieri, il Tribunale del Riesame ha confermato l’iniziale ordinanza di custodia cautelare e si è proceduto a eseguire la misura.

A raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico di Maurizio Giuseppe Nicosia e Michele Nicosia ha contribuito in maniera decisiva un pentito, Santo Nicosia, fratello di Michele e cugino di Maurizio, entrambi arrestati oggi. «È attendibile - ha spiegato il pubblico ministero Santi Roberto Condorelli - perché non aveva sconti di pena da ottenere. Ha fatto una scelta: allontanarsi da quell'ambiente, ritenendo di raccontare questo omicidio di cui si era occupata la trasmissione Chi l'ha Visto con ben cinque puntate».

Agghiaccianti i dettagli dell'omicidio del tabaccaio: Giuseppe Bruno sarebbe stato ucciso per aver reclamato la restituzione di un prestito ai Nicosia, strangolato, fatto a pezzi con una motosega, dato in pasto ai maiali e in parte bruciato dentro un fusto metallico. Il collaboratore Santo Nicosia non sarebbe stato coinvolto direttamente nell'omicidio di Bruno, ma era invece partecipe in altri traffici della famiglia. Quest'ultima non sarebbe affiliata a Cosa Nostra ma negli anni avrebbe soppiantato a Villarosa la tradizionale famiglia mafiosa e, ha precisato la Procura, «controlla il territorio meglio di Cosa Nostra al punto di essere percepito dagli altri clan come tale. La loro forza si esplica nel controllo dei terreni al pascolo, del traffico di droga, e dell'usura». I Nicosia avrebbero anche favorito e protetto la latitanza del boss di Gela, Daniele Emmanuello.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×