Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Una nuova partecipata per assumere precari dei Comuni
Con l'ultima legge soltanto uno su quattro sarà stabilizzato

Le preoccupazioni di lavoratori e sindacati sulla norma che apre le porte all'agognato contratto a tempo indeterminato. Ma gli enti locali dovranno avere i conti in regola e serviranno i posti liberi nelle piante organiche. Così a firmare potrebbero essere non molti

Miriam Di Peri

Una nuova società partecipata per risolvere il tema dei precari degli enti locali in Sicilia. È questo il piano b a cui pensa il governo Musumeci, in una seconda fase del percorso di stabilizzazione dei funzionari in attesa del contratto a tempo indeterminato dei Comuni nell’Isola. Se è vero, infatti, che la legge finalmente c’è, è altrettanto vero che difficilmente potranno accedere alla stabilizzazione tutti i precari. A beneficiare, infatti, della norma inserita in Finanziaria e che non ha subito la tagliola da parte del Consiglio dei ministri, sarà, nella più rosea delle previsioni, un quarto della platea, che conta complessivamente circa 13mila lavoratori in attesa dell’agognata meta di un contratto a tempo indeterminato.

Per avviare il percorso di stabilizzazione, i Comuni dovranno avere i bilanci approvati nell’ultimo triennio e i conti in regola. E dovranno redigere il piano di fabbisogno e colmare a quel punto le posizioni vacanti nella dotazione organica. «In un Comune in cui lavorano magari quattrocento precari - dice Mimmo Milazzo di Cisl Sicilia - i posti liberi in dotazione organica potrebbero essere qualche decina o un centinaio». Ma a frenare le preoccupazioni dei sindacati, interviene direttamente l’assessora alla Funzione Pubblica, Bernadette Grasso, che ancora una volta sottolinea come «questo governo dopo anni di attese abbia portato a casa il risultato dopo appena qualche mese. Noi abbiamo fatto la norma di stabilizzazione, ma non possiamo entrare a gamba tesa nei bilanci dei Comuni, che devono essere in regola»

E ai sindacati Grasso replica: «Quanti siano i Comuni che possono avviare il percorso di stabilizzazione, ad oggi, non possiamo saperlo, né noi né i sindacati. Così come non è possibile prevedere quanti precari saranno stabilizzati. Anche perché i Comuni che non avranno raggiunto i requisiti quest’anno, potranno raggiungerlo il prossimo anno o nel 2020». Insomma, secondo Grasso, «per quello che ci riguarda abbiamo risolto un problema. Adesso vedremo quanti Comuni possono stabilizzare, per i precari che non saranno stabilizzati si vedrà in un secondo step. Non è da escludere - annuncia la componente della giunta Musumeci - l’ipotesi di una nuova società partecipata della Regione che possa assumere i lavoratori, garantire loro la stabilità e prevedere che prestino attività presso i Comuni di competenza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×