Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il passaggio di consegne tra Accorinti e De Luca
Gag, telefonate del papa e ricordo delle promesse

«Ci aspettiamo quello che hai promesso: il casinò, il tram volante e cinque dirigenti». Il sindaco uscente veste subito i panni antichi. E scherza sulla telefonata del papa: «Pronto, Francesco? No per ora è impegnato». De Luca riconosce i meriti del suo predecessore. Guarda il video

Simona Arena

«Le cose bisogna dirle senza cattiveria e con amore per la città, certo ora però ci aspettiamo quello che hai promesso: che qui dentro ci sia il casinò, che passi il tram volante e che ci siano solo cinque dirigenti». Renato Accorinti, nell'ultimo giorno da padrone di casa, passa la campanella, e con essa la guida di Messina, a Cateno De Luca. E si rimette subito i panni antichi: quelli di chi vigila sull'amministrazione e la incalza. Il sindaco uscente ha iniziato subito, ricordando al suo successore le promesse della campagna elettorale. Non sono mancate le gag, una su tutte. Dopo aver parlato Accorinti si blocca, prende il cellulare dalla tasca: «Scusate, mi è arrivata una telefonata... pronto, Francesco? No, è impegnato in questo momento». Scherza sulla chiamata che De Luca avrebbe ricevuto due giorni fa dal papa, che la sala stampa vaticana non conferma né smentisce. Il nuovo sindaco sorride, i suoi sostenitori in aula rumoreggiano. Ma è lo stesso De Luca a calmarli e a chiedere per l'amministrazione Accorinti «un sincero applauso».

«Siamo obiettivi e non te lo può negare nessuno - ammette il neo eletto - Come ho già detto, avete risollevato Messina, adesso noi continueremo da dove voi avete concluso e il mio grazie va a quello che avete fatto, perché se nel 2013 non ci fosse stato questo cambio di prospettiva degli elettori messinesi, con la tua elezione, oggi io non sarei qui». Quindi dona ad Accorinti la fascia tricolore che ha indossato fino a qualche giorno fa. «Se mi permetti, vorrei che la tenessi tu come ricordo - ha detto De Luca - Ti chiedo invece di aiutarmi a indossare quella che mi è stata regalata dai presidenti di quartiere». I due sindaci fuori sistema si stringono quindi la mano. 

Nel messaggio di Accorinti l’augurio che De Luca continui nel solco tracciato dalla sua amministrazione e allo stesso tempo il monito rivolto ai cittadini di controllare e vigilare l’operato del nuovo sindaco. Accorinti ricorda le condizioni disastrose in cui ha trovato il Comune e cita «la rivoluzione culturale» che ha cercato di portare avanti: «Per esempio nei rapporti con Reggio Calabria, non più rivale. Oggi tante cose le facciamo insieme, come la protezione civile, io ho nominato due assessori reggini, mai successo dal 1948».

De Luca, rispondendo anche alle sollecitazioni del suo predecessore, ribadisce che il suo è un piano che «durerà dieci anni», ed è su questo tempo che dovranno essere valutate le promesse «innovative» fatte. I primi cinque anni, dice, saranno quelli del «tagliando», e serve una prima fase di «ritorno alla normalità» per Messina. Quindi torna a parlare della continuità con chi gli sta accanto: «Una cosa che accomuna me ed Accorinti l'ho detta ieri: voglio che i cittadini mi vogliano bene non chiedendomi provvedimenti che danneggiano la meritocrazia». Alla fine una bambina dona a De Luca un portachiavi. «Così - dice - ci metti le chiavi della città». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews