Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Comunali Messina, testa a testa tra De Luca e Bramanti
Verso il ballottaggio senza fair play e molte provocazioni

Domenica la città dello Stretto avrà un nuovo sindaco. L'eredità di Accorinti andrà a uno tra il deputato regionale e il direttore dell'Irccs Bonino Pulejo. In queste settimane, spezzate dalla tragedia dei due fratellini morti nell'incendio, gli sfidanti non se le sono mandate a dire

Simona Arena

Se la campagna elettorale di Cateno De Luca è cominciata lunedì 11 giugno, quella di Dino Bramanti è decollata con qualche giorno di ritardo. Ha metabolizzato il risultato elettorale che gli ha assicurato poco meno del 30 per cento delle preferenze, prima di ripresentarsi. E a quanti lo invitavano a cambiare il modo di fare campagna elettorale ha risposto che non intende «snaturare se stesso». Queste ultime due settimane hanno visto i due candidati controbattere tono su tono, punto su punto ogni affermazione o proposta dell'avversario. Con un solo stop, venerdì scorso, dopo la notizia della morte dei fratellini Messina, tragicamente scomparsi durante il rogo del loro appartamento in via dei Mille. 

De Luca, come promesso dopo le tre assemblee che si sono svolte in altrettante piazze, per fare decidere alla gente se apparentarsi o meno, ha ripreso il tour nei villaggi. Da qui ha lanciato i suoi strali contro il candidato del centrodestra accusato di essere un «pupo» i cui fili sarebbero mossi dall’ex parlamentare Francantonio Genovese. «Chi dice che io sono un burattino nelle mani di chiunque, mente ed è un bugiardo, un uomo senza verità - ha replicato Bramanti -. A 68 anni non cambio carattere e valori per vincere l’ultima battaglia prima della mia pensione». Con De Luca che, pur avendo abbassato i toni rispetto alle settimane che hanno preceduto il primo turno, ha affondato: «Ridicolo e al tempo stesso penoso il tentativo di scaricare l’onorevole Genovese da parte di Bramanti. Ricordiamo ai più distratti che Genovese è colui che ha imposto Bramanti come candidato sindaco e ha sostenuto con tre liste, finanziando direttamente e indirettamente la sua campagna elettorale e mettendogli persino accanto il fidato Mario Bonsignore. La verità - ha proseguito De Luca - è che il candidato scelto da Genovese padre, Genovese figlio, Germanà e altri rappresenta solo quel gruppo di potere che da decenni assoggetta la città ai suoi esclusivi e immorali interessi». 

Altro tema caldo su cui i due candidati si sono confrontati è il futuro dell’Acr Messina. «Sosterrò i giallorossi anche dopo il voto», ha assicurato Bramanti che punta al ripescaggio in serie C e al rilancio degli stadi Celeste e San Filippo. Il candidato sindaco ha inoltre parlato di una cordata di imprenditori che lo sosterrebbero nel caso in cui diventasse sindaco di Messina. Una mossa che è stata aspramente criticata da De Luca, anche perché lo stesso patron giallorosso del Messina, Pietro Sciotto, ha rimandato ogni comunicazione sulla possibilità di cedere la società calcistica a dopo le elezioni. «Ma dov’erano prima questi imprenditori?», ha chiesto De Luca, tranquillizzando i tifosi sull'attenzione che darà alla squadra di calcio cittadina nel caso venisse eletto sindaco.

Ad accomunare i due contendenti è stata invece la ricerca degli esclusi, che in questo ballottaggio faranno la differenza. Si tratta di un piccolo esercito fatto di candidati che hanno raccolto anche seicento preferenze e che sono rimasti fuori perché magari la propria lista non ha raggiunto il quorum del cinque per cento. Chi è abituato a far politica non vuol restare fuori dalla scena e così sono cominciati subito i corteggiamenti. Anche perché gli scenari che si disegnerebbero in caso di vittoria dell’uno o dell’altro candidato sono profondamente diversi. Fatto che non è sfuggito a chi guarda in maniera più che interessata al voto di domenica.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×