Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Musumeci si dice pronto ad azzerare la giunta
«Si facciano le riforme o si torni tutti a casa» 

Le frizioni nella maggioranza, il collegato rimandato in commissione, i timori dei forzisti davanti alla vicinanza tra Musumeci e Salvini. L'Ars manda un segnale al governo e il primo inquilino di Palazzo d'Orleans risponde: «Se si mettono di traverso, si tornerà al voto»

Miriam Di Peri

Galeotto fu il collegato e chi lo affossò. Dall'approvazione della Finanziaria in poi, l'Assemblea regionale non ha più approvato alcun provvedimento. Altro che riforme e leggi che permettessero lo sviluppo economico dell'Isola. Il piano di Musumeci si è fermato proprio lì, attraversando quella piazza che separa la presidenza della Regione dall'Assemblea. A nulla può la buona volontà del governo nell'accelerare i procedimenti amministrativi e burocratici: l'attività legislativa resta ferma al palo.  

Che nella maggioranza le frizioni fossero sempre più marcate era chiaro già a partire dallo stallo dell'Ars. Ma anche dalla visita della presidente di Malta, quando il Movimento 5 Stelle è uscito dall'Aula, Miccichè ne ha puntualmente preso le distanze, mentre Musumeci ha parlato, a proposito del caso Aquarius, di «mossa politica azzeccata» da parte di Salvini. Segnali. Di convergenza tra le posizioni del governatore e dei pentastellati, per quanto l'ipotesi di un'alleanza resti ancora lontana. «È impensabile in questa fase - filtra dalle parti di Diventerà Bellissima - che si possa arrivare a governare insieme. Però, certo, si consolida l'idea di una convergenza su singoli punti programmatici, che possa prevedere il sostegno trasversale delle forze politiche rappresentate in Assemblea». Politichese, insomma. Benedetto dai due pontieri, rappresentati da Ruggero Razza da una parte e dall'eurodeputato grillini Ignazio Corrao, dall'altra. Che, in soldoni, si traduce in prove tecniche di alleanze. 

Da una parte e dall'altra. Se Musumeci strizza l'occhio alla Lega, alleata a Roma dei Cinquestelle, ecco che nelle scorse sere sarebbero stati avvistati in un noto ristorante palermitano, attorno allo stesso tavolo, il presidente dell'Assemblea regionale e commissario forzista, Gianfranco Micciché, insieme a Saverio Romano, Toto Cordaro e Vincenzo Falgares. Prove tecniche di alleanze, ancora una volta, anche da parte delle forze moderate.

Ma se la spaccatura si è fatta più evidente alle ultime Amministrative di Siracusa, con Fabio Granata (Diventerà Bellissima) che ha sfidato il candidato di centrodestra Paolo Ezechia Reale (Forza Italia), rimediando soltanto il cinque per cento delle preferenze, ecco che la risposta alle tante frizioni respirate nelle scorse settimane è stato l'affossamento del testo collegato alla Finanziaria, questo pomeriggio a Sala d'Ercole. Testo rimandato in commissione Bilancio, che di fatto si è arenato tra i rivoli dell'organismo legislativo. E innescando un braccio di ferro in piena regola, tra la presidenza dell'Assemblea e la presidenza della Regione. Dal quale Musumeci ha tutta l'intenzione di uscire rinforzato. O di tornare a casa. 

«Prendo atto - ha detto il governatore -, con assoluta serenità, della volontà espressa oggi dal parlamento siciliano di rinviare in commissione Bilancio il disegno di legge sul collegato alla Finanziaria. Aspetto fiducioso che il testo torni in Aula per essere serenamente valutato da tutti i gruppi politici, soprattutto negli articoli riguardanti la creazione del Polo per il credito agevolato (fusione Crias-Ircac) e la soppressione dell'Esa, l'ultimo carrozzone della Prima Repubblica. Una cosa - aggiunge - è certa: il mio è il governo del cambiamento, per il quale ho chiesto e ottenuto a novembre il consenso del popolo siciliano. Se sulla strada delle riforme il Parlamento dovesse già da ora mettersi di traverso non ci sarebbe più alcuna ragione per restare al mio posto. In questa Regione devastata e saccheggiata dalla più famelica partitocrazia non è più tempo per riproporre metodi antichi». Insomma, riforme. Oppure tutti a casa.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews