Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Cateno De Luca, un comizio a sera e l'offerta al M5s
«Governiamo insieme», ma i pentastellati dicono no

Il deputato regionale, al ballottaggio per diventare sindaco di Messina, ha incontrato i suoi elettori tre volte in piazze diverse per parlare di apparentamenti. Ha chiesto ai Cinque stelle di allearsi, mossa che avrebbe portato il Movimento a 19 consiglieri. Ma l'accordo è sfumato

Simona Arena

Anche ieri sera ha raccolto attorno a sé un gran numero di messinesi. Dopo piazza Duomo e piazza Cairoli, Cateno De Luca ha scelto piazza del Popolo per spiegare le ragioni del no ad alcun apparentamento in vista del ballottaggio. Una scelta difficile perché nessuna delle sei liste del candidato sindaco ha superato la soglia di sbarramento domenica scorsa. E in caso di vittoria contro l’altro candidato al ballottaggio Dino Bramanti, si ritroverebbe senza consiglieri. Ma in suo soccorso sarebbe potuta venire, nel caso De Luca avesse scelto di apparentarsi con altri candidati sconfitti, la legge regionale che dà al vincitore del ballottaggio il premio di maggioranza. Tradotto in numeri si parla di ben 19 posti in consiglio comunale. Ma il deputato regionale ha scelto altro. 

Martedì sera, durante un comizio durato oltre tre ore e seguito da più di duemila persone, sui social e nella diretta di tv locali, ha lanciato appelli agli esclusi. Da Emilia Barrile a Giuseppe Trischitta e pure a Renato Accorinti. Ha poi ipotizzato un patto per la città, più o meno come il contratto siglato a Roma dal Movimento 5 cinque stelle e dalla Lega. Il piatto è ghiotto, perché se una lista che ha superato il cinque per cento si apparentasse con De Luca, e quest’ultimo vincesse, prenderebbe 19 consiglieri e avendo la maggioranza in consiglio potrebbe pure ottenere il ruolo di presidente del consiglio. 

Lunedì sera aveva promesso che sarebbe stata la piazza a scegliere con chi questo matrimonio doveva farsi. De Luca ha spiegato quali potrebbero essere tutti i possibili scenari che modificherebbero la geografia del consiglio comunale. Cominciando dalla prima: De Luca diventa sindaco senza apparentamento, senza liste. In questo caso sette seggi vanno al M5s, 12 al centrodestra e 12 al centrosinistra. Con una vittoria di Dino Bramanti, il M5S perderebbe due scranni, il centrodestra sale a 19 e il centrosinistra ne perde cinque. Ed ecco i possibili apparentamenti. Il M5s accetta di sostenere De Luca e da 7 seggi arriva a 19, il centrodestra da 12 scende a 5 e il centrosinistra da 12 arriverebbe a 7. Ultimo e quarto scenario prevede l’apparentamento tecnico con una lista di Centrosinistra, si vocifera possa essere quella del Pdr di Giuseppe Picciolo. In questo caso il M5S scenderebbe a 3, il centrodestra a 5, il centrosinistra, o meglio la lista apparentata ne avrebbe 19, oltre ad altri quattro già ottenuti dall’esito del voto del 10 giugno scorso. Il posto rimanente in tutte le ipotesi prospettate è del sindaco uscito sconfitto dal ballottaggio. 

La piazza martedì ha scelto il matrimonio con i 5 Stelle, ma da Roma il parlamentare Francesco D’Uva ha fatto sapere che non ci sarà alcun apparentamento e Gaetano Sciacca, candidato a sindaco sconfitto, ha comunicato che farà il consigliere comunale rispettando il volere degli elettori. Scartata questa possibilità, De Luca ieri ha chiesto di nuovo alla piazza cosa fare. «Dobbiamo decidere assieme». E visto i malumori che un possibile accordo con il centrosinistra ha scatenato, la decisione è stata presa. «Correrò da solo, senza liste di appoggio, ma sostenuto da tutti voi». Ha poi invitato sia M5s che elettori del centrosinistra a valutare il da farsi, ricordando in caso di sua vittoria come saranno distribuiti i posti in consiglio.

Rompe invece il silenzio assordante di questi giorni Bramanti. E in un lungo comunicato stampa spiega che continuerà per la sua strada, con il suo modo d‘essere. «Preferisco la serietà agli show», scrive. «L’alleanza che voglio costruire, in un momento cruciale per il futuro dei prossimi decenni, è con la città, con quei messinesi di buona volontà che stanno soffrendo per la mancanza di lavoro, per i figli costretti ad andar via, per gli stipendi precari, per le condizioni della città. Al mio fianco finora ci sono stati i partiti ed i movimenti civici, ma soprattutto ci sono stati i messinesi innamorati della nostra città». Non intende cambiare i toni della sua campagna elettorale. «Messina non può essere trasformata in un palcoscenico per spettacolini ridicoli».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews