Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Comiso, minaccia di morte figlia 16enne
Si opponeva a un matrimonio combinato

La polizia ha arrestato un tunisino di 44 anni. L'uomo, dopo avere imposto alla moglie e alla ragazza di abbandonare i costumi occidentali, pretendeva che giovane sposasse un connazionale benestante. La minore è stata affidata a una famiglia del posto

Valentina Frasca

Una ragazza di 16 anni che scappa di casa dopo una lite con la madre per un pacchetto di sigarette, un padre che chiede aiuto alla polizia per ritrovarla. Sembrava, inizialmente, lo scenario di una normale famiglia in cui genitori e figli adolescenti hanno un rapporto un po’ turbolento, ma in realtà c’era molto di più. L’uomo, un tunisino di 44 anni, aveva minacciato la figlia: «O vai in Tunisia a sposarti con il ragazzo che ti abbiamo scelto o ti uccido». 

Gli agenti del commissariato di Comiso e della Squadra Mobile di Ragusa, dopo aver cercato la ragazza per tutta la notte, l’hanno rintracciata l’indomani mattina mentre andava a scuola con l’amica che l’aveva ospitata. Sono così iniziati gli accertamenti volti a ricostruire l’accaduto e sono stati sentiti anche i professori della minore, che erano a conoscenza del fatto che la 16enne aveva problemi in casa perché non voleva fidanzarsi con il connazionale impostole, un 23enne benestante, amico del padre e residente in Tunisia. La giovane è stata sentita anche con l’ausilio di una psicologa di un centro antiviolenza e, d’accordo con il Tribunale per i minorenni di Catania, è stato deciso di non farla rientrare a casa in attesa delle decisioni dell’autorità giudiziaria nei confronti del padre ed è stata affidata a una famiglia di Comiso

Dal racconto della minore, infatti, si è delineato uno scenario fatto di continui maltrattamenti in famiglia, sia verbali che fisici, ad opera del padre nei confronti anche della mamma, di alcol e vizio del gioco, di utensili e piatti sbattuti sul pavimento per intimorire le donne. L’uomo aveva inoltre preteso che la coniuge e la figlia abbandonassero i costumi occidentali per vivere da musulmani e che la figlia non frequentasse più la scuola.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×