Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Montante in carcere per inquinamento prove
Durante i domiciliari incontri non autorizzati

Oggi pomeriggio gli agenti della squadra mobile di Caltanissetta lo hanno prelevato dalla sua abitazione a Serradifalco e lo hanno portato nella casa circondariale di Malaspina. Durante l'arresto si era barricato in casa per oltre due ore con l'intento di distruggere e nascondere documenti cartacei e pen drive

Redazione

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Dagli arresti domiciliari avrebbe provato a inquinare le prove contro di lui. È per questo che è finito in carcere oggi pomeriggio Antonio Calogero Montante, per tutti Antonello. La squadra mobile di Caltanissetta, in esecuzione del provvedimento del giudice per le indagini preliminari su richiesta della direzione distrettuale antimafia, lo ha prelevato dalla sua abitazione di Serradifalco e portato nel carcere nisseno di Malaspina

Le motivazioni che hanno indotto il gip a inasprire la misura sono riconducibili alla grave condotta d’inquinamento di prove messa in atto da Montante in occasione del suo arresto, avvenuto a Milano lo scorso 14 maggio. L'ex presidente di Confindustria Sicilia si sarebbe barricato in casa per quasi due ore, non aprendo ai poliziotti e distruggendo documenti e circa ventiquattro pen drive. Montante avrebbe provato a disfarsi anche di altra documentazione che però è stata trovata e sequestrata dagli agenti in un pozzo luce su cui si affaccia il salone della sua abitazione. In particolare, alcune delle pen drive sono state recuperate dalle forze dell'ordine all'interno di un sacchetto di plastica in un cortile adiacente al palazzo. Nel corso della perquisizione è stato ritrovato anche uno zainetto contenente altre chiavette e documenti cartacei sul balcone di un vicino di casa

A spingere il giudice a inasprire la misura cautelare ci sarebbe stato anche dell'altro. Montante, infatti, durante gli arresti domiciliari, dopo l’interrogatorio di garanzia dello scorso 15 maggio, avrebbe violato le prescrizioni che erano state imposte. I poliziotti della squadra mobile, infatti, hanno documentato che all’interno della villa, in questi giorni, è stato consentito l’accesso a persone non autorizzate.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×