Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Comunali Siracusa, Granata ci prova correndo da solo
«Con me la città sarà di nuovo la più bella delle greche»

L'ex parlamentare regionale e nazionale si candida alla guida del capoluogo aretuseo. In suo appoggio Diventerà bellissima e la lista Oltre. «Da quando avevo 13 anni sono un attivista politico e lo resterò per sempre: adesso so cosa fare per rigenerare la mia città», dice a MeridioNews l'aspirante primo cittadino

Marta Silvestre

Chi gioca solo non perde mai. Sembra voler essere questo il motto della campagna elettorale Fabio Granata. L'ex parlamentare regionale e nazionale, che è anche uno dei fondatori del movimento Diventerà bellissima, corre per la poltrona di primo cittadino a Siracusa da solo, restando fuori dalla grande coalizione del centrodestra di Ezechia Paolo RealeOltre alla lista del suo movimento, in appoggio a Granata anche la lista Oltre.

Perché ha scelto di candidarsi a sindaco?
«Perché ritengo di avere le competenze, la visione politica, il sistema di relazioni e, soprattutto, l'amore necessario per poter rigenerare la mia città. Che, con me, tornerà a essere ciò che è sempre stata: la più bella delle città greche d'Occidente. La capitale Siciliana del turismo culturale».

Quali sono i punti centrali del suo programma? A che cosa la città non può più rinunciare?
«Siracusa non può più rinunciare, innanzitutto, al diritto alla qualità della vita e alla salute dei suoi abitanti. Ad avere aria pulita, acqua potabile, terra fertile e un immenso patrimonio culturale e ambientale rigenerato e valorizzato. E io so come fare a garantire che questi diritti non vengano più negati».

Qual è la figura politica o tecnica (nazionale o internazionale) a cui si ispira?
«Non mi appassiona la fase attuale della politica nazionale priva di respiro e di vero leader. A livello internazionale la vera assenza è quella dell'Europa, intesa come patria e identità comune e non come sistema di banche e finanza».

Con chi si alleerebbe in caso di ballottaggio?
«Con i siracusani, continuando e portando fino in fondo la grande idea della rigenerazione ambientale, urbana, sociale, economica e culturale della città».

Un pregio e un difetto della precedente amministrazione.
«Aver resistito a sistemi corruttivi e illegali è certamente l'aspetto più positivo che riconosco all'amministrazione uscente. Il difetto è quello di non aver avuto una visione completa e organica delle potenzialità e sopratutto delle emergenze della città».

Quanto pensa di spendere per la sua campagna elettorale?
«Non più di diecimila euro».

Perché non vuole stare nel centrodestra siracusano, a differenza di quanto ha fatto Diventerà bellissima a livello regionale e anche in altre città al voto?
«Per una visione della città che non consente di avere condizionamenti da parte di partiti e, sopratutto, di consorterie. E poi la cronaca di questo giorni credo risponda per me che sono cresciuto a legalità e Paolo Borsellino»

Dopo tanti anni in politica, lei avrebbe ancora l'entusiasmo giusto per affrontare un mandato da primo cittadino?
«Non solo moltissimo entusiasmo ma anche maturità, visione, esperienza e amore in difesa dei beni comuni e dell'identità storica e culturale di questa città. Sapremo rigenerarla, insieme alla mia squadra straordinaria: da Nuccio Romano a Lia Contrino, da Marinella Muscarà a Gianfranco Damico, da Elena Flavia Castagnino a Gianni Monterosso. E poi la grande comunità di visione con Giuseppe Raimondi e la collaborazione di Camillo Biondo, del grande campione Giuseppe Gibilisco e di mille altri. In sostanza, una grande comunità senza padrini e senza padroni».

Il suo trascorso politico è un'arma a doppio taglio. La penalizza o la favorisce? 
«Politica per me significa cittadinanza attiva. Dall'età di tredici anni, infatti, sono un attivista politico e lo resterò per sempre. Resto fedele all'insegnamento di Pericle e so cosa fare, so spiegarlo agli altri, amo la mia città e, più di ogni altra cosa, sono incorruttibile. Combattere, del resto, è un destino».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews