Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Comunali Siracusa, Granata ci prova correndo da solo
«Con me la città sarà di nuovo la più bella delle greche»

L'ex parlamentare regionale e nazionale si candida alla guida del capoluogo aretuseo. In suo appoggio Diventerà bellissima e la lista Oltre. «Da quando avevo 13 anni sono un attivista politico e lo resterò per sempre: adesso so cosa fare per rigenerare la mia città», dice a MeridioNews l'aspirante primo cittadino

Marta Silvestre

Chi gioca solo non perde mai. Sembra voler essere questo il motto della campagna elettorale Fabio Granata. L'ex parlamentare regionale e nazionale, che è anche uno dei fondatori del movimento Diventerà bellissima, corre per la poltrona di primo cittadino a Siracusa da solo, restando fuori dalla grande coalizione del centrodestra di Ezechia Paolo RealeOltre alla lista del suo movimento, in appoggio a Granata anche la lista Oltre.

Perché ha scelto di candidarsi a sindaco?
«Perché ritengo di avere le competenze, la visione politica, il sistema di relazioni e, soprattutto, l'amore necessario per poter rigenerare la mia città. Che, con me, tornerà a essere ciò che è sempre stata: la più bella delle città greche d'Occidente. La capitale Siciliana del turismo culturale».

Quali sono i punti centrali del suo programma? A che cosa la città non può più rinunciare?
«Siracusa non può più rinunciare, innanzitutto, al diritto alla qualità della vita e alla salute dei suoi abitanti. Ad avere aria pulita, acqua potabile, terra fertile e un immenso patrimonio culturale e ambientale rigenerato e valorizzato. E io so come fare a garantire che questi diritti non vengano più negati».

Qual è la figura politica o tecnica (nazionale o internazionale) a cui si ispira?
«Non mi appassiona la fase attuale della politica nazionale priva di respiro e di vero leader. A livello internazionale la vera assenza è quella dell'Europa, intesa come patria e identità comune e non come sistema di banche e finanza».

Con chi si alleerebbe in caso di ballottaggio?
«Con i siracusani, continuando e portando fino in fondo la grande idea della rigenerazione ambientale, urbana, sociale, economica e culturale della città».

Un pregio e un difetto della precedente amministrazione.
«Aver resistito a sistemi corruttivi e illegali è certamente l'aspetto più positivo che riconosco all'amministrazione uscente. Il difetto è quello di non aver avuto una visione completa e organica delle potenzialità e sopratutto delle emergenze della città».

Quanto pensa di spendere per la sua campagna elettorale?
«Non più di diecimila euro».

Perché non vuole stare nel centrodestra siracusano, a differenza di quanto ha fatto Diventerà bellissima a livello regionale e anche in altre città al voto?
«Per una visione della città che non consente di avere condizionamenti da parte di partiti e, sopratutto, di consorterie. E poi la cronaca di questo giorni credo risponda per me che sono cresciuto a legalità e Paolo Borsellino»

Dopo tanti anni in politica, lei avrebbe ancora l'entusiasmo giusto per affrontare un mandato da primo cittadino?
«Non solo moltissimo entusiasmo ma anche maturità, visione, esperienza e amore in difesa dei beni comuni e dell'identità storica e culturale di questa città. Sapremo rigenerarla, insieme alla mia squadra straordinaria: da Nuccio Romano a Lia Contrino, da Marinella Muscarà a Gianfranco Damico, da Elena Flavia Castagnino a Gianni Monterosso. E poi la grande comunità di visione con Giuseppe Raimondi e la collaborazione di Camillo Biondo, del grande campione Giuseppe Gibilisco e di mille altri. In sostanza, una grande comunità senza padrini e senza padroni».

Il suo trascorso politico è un'arma a doppio taglio. La penalizza o la favorisce? 
«Politica per me significa cittadinanza attiva. Dall'età di tredici anni, infatti, sono un attivista politico e lo resterò per sempre. Resto fedele all'insegnamento di Pericle e so cosa fare, so spiegarlo agli altri, amo la mia città e, più di ogni altra cosa, sono incorruttibile. Combattere, del resto, è un destino».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews