Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, le porte girevoli tra Pd e Renato Accorinti
Giovane dem e capogruppo sindaco a parti invertite

Lucy Fenech negli ultimi cinque anni ha guidato il movimento del primo cittadino uscente; Guglielmo Sidoti è stato responsabile regionale dei giovani del Pd. Adesso, in vista delle prossime Amministrative, hanno deciso di cambiare, scambiandosi di fatto i ruoli. «Rimasti lontani dal popolo», dice lei. «Scelte imposte nel partito», ribatte lui

Simona Arena

Una, Lucy Fenech, cinque anni fa è entrata in consiglio comunale a sorpresa, sulla scia dell'inattesa vittoria di Renato Accorinti e del suo movimento, Cambiamo Messina dal basso di cui lei è stata capogruppo. L'altro, Guglielmo Sidoti, negli ultimi dieci anni, e cioè da quando ne aveva sedici, ha sempre militato nel Partito Democratico e del settore giovanile è stato anche responsabile regionale. Oggi entrambi sono protagonisti della campagna elettorale che porterà Messina alle Amministrative del 10 giugno. Ma a parti invertite: la consigliera di Accorinti ha mollato il sindaco scalzo e ha abbracciato il centrosinistra a trazione Pd, venendo persino designata assessora dal candidato Antonio Saitta, per Fenech «la migliore scelta per la città»; Sidoti ha lasciato i dem e sposato la causa di Accorinti, in aperta polemica con la scelta di Saitta, fatta «senza primarie e imposta dalla corrente attualmente maggioritaria del partito, cioè quella che viene dall'università (leggasi l'ex rettore Pietro Navarra oggi deputato e Franco De Domenico, deputato regionale ndr), esattamente - sottolinea Sidoti - come già successo per le Politiche».

Storie che si incrociano in tempo di elezioni comunali. «Non sono passata nel Pd - si affretta a precisare Fenech - ho scelto un candidato sindaco, ma resto espressione della società civile e sono in una lista civica». L’ultimo giorno utile per presentare le liste si è scoperto che è anche fra gli assessori designati da Saitta. «Mi fa piacere, perché è il riconoscimento di un mondo e dell’impegno per la città che ho profuso in questi anni - spiega - è una chiara apertura al mondo civile». Che secondo la consigliera non avrebbe trovato l'attenzione promessa da Accorinti. «Mi è dispiaciuto che si siano disperse energie e che siamo stati assenti nei quartieri popolari, come invece si era promesso in campagna elettorale». Un errore, quindi, secondo Fenech, la ricandidatura del sindaco uscente. «Ne sono convinta da almeno due anni. L’ho detto a lui e ai movimenti che lo sostengono prima di una riunione di un consiglio sulla sfiducia. L’ho ripetuto mesi fa quando me l'hanno chiesto per le amministrative del 2018».

Scelta di senso opposto ha fatto, invece, il 26enne Sidoti, che lo scorso marzo si è dimesso dalla carica di responsabile dei giovani democratici e in occasione delle Amministrative ha scelto di sostenere Accorinti. «Mi sono iscritto al Pd quando avevo 16 anni, più o meno quando è nato. E ho contribuito con amore e passione alla sua crescita, ma dopo le Politiche ho deciso che non era più il partito che avevo immaginato. La sua attestata incapacità di rinnovarsi mi ha spinto a lasciare il mio ruolo». E con lui hanno abbandonato il Pd altre nove persone con le quali ha costituito il movimento Ricomincio da Me. «La rappresentanza politica deve essere legata al territorio - spiega - ma alle Politiche del 4 marzo le classi dirigenti hanno deciso durante un tavolo romano la candidatura di Pietro Navarra e di Fabio D’Amore, non è stato ascoltata la comunità di valori, di uomini e donne, ma si sono preferite logiche di potere». 

Rimasto nel Pd anche nei periodi più bui, Sidoti ha sperato in un rinnovamento dal basso, «ma così non è stato e la candidatura di Saitta alle Amministrative - continua - ha ricalcato lo stesso schema adottato alle nazionali. Niente primarie e scelte imposte». Un modello che Sidoti ritrova anche nelle altre coalizioni, a eccezione di Accorinti. «Cinque anni fa c’erano Nino Germanà, Francantonio Genovese, Giuseppe Picciolo e Gianpiero D’Alia a discutere sui candidati. Oggi è rimasto tutto uguale. Ci sono ancora loro a decidere chi candidare. L’elezione di Accorinti nel 2013 aveva lanciato un chiaro messaggio ai partiti, chiedendo loro di rinnovarsi, ma non l’hanno fatto». 

Sidoti spiega che «in questi cinque anni abbiamo assistito ad un cambio progressivo ma inesorabile di mentalità. Lo vedo nella mia generazione - dice - in chi si avvicina al movimento dando la propria disponibilità all’impegno. Un impegno disinteressato. Anche questo è un risultato politico. Confermato dal nostro primo incontro, in cui Renato non ci ha chiesto quanti fossimo, ma che idee avessimo. Da allora siamo una squadra, l’uno a fianco all’altro. Gli sono grato umanamente perché a distanza di anni ha riacceso in me/noi un entusiasmo che credevo sopito, consegnandomi una speranza da difendere e per la quale sono disposto a a lottare».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews