Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani, il Cosenza resta un tabù
Granata sconfitti 2-1 in Calabria

La squadra rossoblu si impone al San Vito grazie alle reti di Tutino e Okereke. Brutta prova per la formazione di Calori che tiene viva la speranza di qualificarsi grazie al gol di Poidori in pieno recupero. Ritorno mercoledì sera al Provinciale

Luca Di Noto

Foto di: sito ufficiale Trapani Calcio

Foto di: sito ufficiale Trapani Calcio

Il Cosenza si conferma un vero e proprio tabù per il Trapani e anche nella sfida d’andata del primo turno dei play off nazionali di serie C batte i granata. Al San Vito-Marulla finisce 2-1 per i rossoblu, con una rete di Polidori nel finale che tiene vive le speranze dei siciliani. La gara di ritorno è in programma mercoledì 23 maggio alle ore 20,30 allo stadio Provinciale e al Trapani basterà vincere 1-0 per passare il turno.

Fase di studio nei primi minuti di gioco, con le squadre che non riescono a costruire azioni degne di nota. La prima occasione arriva poco dopo il quarto d’ora, con un bel pallone di Palmiero per D’Orazio, il cui sinistro al volo finisce fuori. Poco dopo, altra chance per i rossoblu con Tutino, ma anche il suo mancino è fuori misura. Calabresi ancora pericolosi con una bella iniziativa di Tutino che mette in mezzo per Mungo, il cui destro è incredibilmente alto. Il Cosenza si chiude bene in difesa e così i siciliani si devono affidare a dei lanci lunghi improduttivi. Al 38’ altra buona occasione per i padroni di casa con Okereke, ma Furlan compie un vero e proprio miracolo. Si va così all’intervallo sullo 0-0.

In avvio di ripresa è il Trapani a partire meglio, ma al 52’ i calabresi si portano in vantaggio: accelerazione sulla destra di Okereke che conclude, salvataggio sulla linea di Fazio che rimette in mezzo dove Tutino ribadisce in rete. Otto minuti più tardi, Corapi impegna Saracco con una botta tesa su punizione, ma il portiere si rifugia in corner. Al 67’, Cosenza vicinissimo al raddoppio: Pagliarulo sbaglia un controllo e favorisce Mungo che innesca Tutino, il quale prima salta Furlan con un pallonetto e poi, disturbato da Marras fallisce. Mister Calori prova a cambiare qualcosa con gli ingressi di Polidori, Rizzo e Scarsella, ma al 79’ ecco il raddoppio del Cosenza: sugli sviluppi di una punizione, un paio di rimpalli favoriscono Okereke che mette dentro con un tap-in. Nel finale i granata riducono lo svantaggio proprio con Polidori che approfitta di un buco difensivo dei rossoblu per battere Saracco. I siciliani poco dopo sfiorano il clamoroso pari con Scarsella che però svirgola.

LE PAGELLE

Furlan 6 Dopo un quarto d’ora di calma apparente, i calabresi si fanno pericolosi ma non inquadrano la porta. Al 35’ però è decisivo buttandosi a peso morto sul tiro di Okereke. Non può nulla sulle reti rossoblu.

Fazio 4 In alcune occasioni, Tutino lo salta con una facilità disarmante. Ed è proprio il numero 13 che prima salva sulla linea su Okereke e poi rimette in mezzo dove Tutino ribadisce in rete. Decisivo in negativo anche in occasione del raddoppio cosentino, quando un suo buco favorisce proprio l’attaccante nigeriano.

Pagliarulo 5 Fatica tantissimo e non riesce a reggere l’imprevedibilità tanto di Okereke, quanto di Tutino.

Drudi 4,5 L’ex Lecce ha probabilmente il compito più difficile, quello di tenere a bada uno scatenato Okereke. Inutile dirlo, raramente riesce a contrastarlo a dovere.

Marras 5,5 Non riesce a rendersi troppo pericoloso in avanti, meglio quando si tratta di eseguire un paio di diagonali difensive sulle quali si dimostra fondamentale.

Steffé 5,5 Preferito a Scarsella nello scacchiere iniziale, meglio di Palumbo e peggio di Corapi, per fare un confronto. Prova a fare del dinamismo la sua arma migliore, ma senza riuscirci.

Corapi 6 Al di là di qualche pallone perso, l’ex Parma è il primo a rendersi veramente pericoloso dalle parti di Saracco. Un paio di conclusioni e poco altro.

Palumbo 5 Questa sera soffre tanto la presenza di un altro regista di ruolo con il quale spesso si pesta i piedi. Nervoso, viene ammonito nella ripresa. Dal 78’ Scarsella s.v. Entra pochi secondi prima del raddoppio del Cosenza, a quel punto la gara ha poco da dire. Fallisce dopo il 2-1 l’occasione per il pari.

Bastoni 6 Ormai è perfettamente a suo agio nel ruolo di esterno di centrocampo, anche se talvolta fatica in fase di copertura e la corsa degli avversari lo mette in difficoltà. Dal 70’ Rizzo 6 Con il suo ingresso in campo, il Cosenza fatica di più a sfondare sulla propria destra.

Murano 5 Difficile valutare la prova dell’attaccante, dalle sue parti praticamente non arrivano palloni giocabili e lui fatica tanto a farsi vedere. Dal 70’ Polidori 6,5 Tiene vive le speranze di qualificazione realizzando una rete in pieno recupero.

Evacuo 5 Anche per lui vale quanto detto per il compagno di reparto, ma il numero 9 granata prova a far valere la sua esperienza lottando in avanti. Dall’82’ Campagnacci s.v. Pochi minuti in campo per l’attaccante.

Calori 4,5 La squadra oggi fatica più del solito e non riesce praticamente mai a rendersi pericolosa nel corso del primo tempo. Incassato lo svantaggio in avvio di ripresa, la reazione è troppo timida e così il Cosenza continua a essere assoluto padrone del campo.

Cosenza: Saracco 6, Idda 6,5 (89’ Pasqualoni s.v.), Dermaku 5, Camigliano 6 (74’ Pascali 6), Corsi 6,5, Bruccini 6,5, Palmiero 6, Mungo 6,5, D’Orazio 6,5, Okereke 7,5 (88’ Trovato s.v.), Tutino 7 (81’ Baclet s.v.). All. Braglia 7

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×