Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caso Montante, perquisito studio Fiumefreddo
Brandara si dimette da commissario di Licata

L'ex presidente dell'Irsap, indagata con l'accusa di aver fatto pressioni su un dirigente per denunciare Venturi e Cicero, fa un passo indietro. Musumeci ha già nominato la sostituta. Il legale catanese conferma la visita degli agenti della squadra mobile di Caltanissetta ma precisa: «Non sono indagato»

Redazione

Maria Grazia Brandara, indagata nell'indagine sul Sistema Montante, si è dimessa da commissario straordinario del comune di Licata. Il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha incontrato ieri la dirigente, accettando il passo indietro. Oggi, al suo posto, ha nominato Maria Elena Volpes, già dirigente generale regionale dei Beni culturali, da qualche settimana in pensione.

Brandara, ex presidente dell'Irsap e capo della segreteria particolare dell'assessorato alle Attività produttive con Mariella Lo Bello, è accusata di aver fatto pressioni, insieme alla stessa Lo Bello, sul dirigente Alessandro Ferrara per denunciare Marco Venturi e Alfonso Cicero, rispettivamente ex assessore alle Attività produttive ed ex presidente Irsap, diventati i grandi accusatori del sistema Montante.

Altra novità nell'indagine della Procura di Caltanissetta è la perquisizione a casa e nello studio dell'avvocato catanese Antonio Fiumefreddo, ex presidente di Riscossione Sicilia e in passato legale di Montante e Ivan Lo Bello. In quest'ultima veste, ad esempio, ha presentato una querela, nel gennaio del 2015, contro Nicolò Marino (magistrato ed ex assessore di Crocetta). Il nome di Fiumefreddo viene più volte citato nell'ordinanza dei pm nisseni. Compare infatti nel mega archivio in cui Montante annotava tutto quello che succedeva. Numerosi gli incontri tra lo stesso Montante e Fiumefreddo, di volta in volta in compagnia di Enzo Bianco, Ivan Lo Bello, l'attuale presidente di Confindustria Sicilia Giuseppe Catanzaro, indagato per finanziamento illecito a Rosario Crocetta. Fiumefreddo ha confermato la perquisizione sottolineando di «non essere indagato».

Nell'ordinanza c'è infine un passaggio, poco chiaro perché parti delle intercettazioni sono catalogate come «incomprensibili», in cui si parla di qualcuno che, nell'ambito del dossieraggio in atto contro Marino, deve fornire a Montante e Catanzaro il numero di targa della macchina del magistrato, una Ferrari. E in quel contesto si fa il nome anche di Fiumefreddo.

È stato lo stesso legale catanese, confermando la notizia anticipata da LiveSicilia, a dare conferma. «Ieri pomeriggio - ha scritto sul suo profilo Facebook - è stata effettuata una perquisizione del mio studio professionale e della mia residenza. L'attività è stata coordinata da un magistrato della Procura distrettuale della Repubblica di Caltanissetta e alla presenza di un delegato dell'Ordine degli avvocati. Le operazioni si inquadrano nell'ambito dell'indagine condotta dall'ufficio nisseno e sono state effettuate con esemplare professionalità dagli uomini della squadra mobile di Caltanissetta. Chiarisco - sottolinea - che non sono indagato. Ho messo a disposizione degli inquirenti tutto ciò che potrà essere utile all'accertamento dei fatti oggetto dell'indagine. Si tratta di attività dovute quando occorre accertare determinati fatti ed è doveroso offrire ogni contributo utile alla ricostruzione della verità».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×