Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Cosenza-Trapani 4-2: il campionato finisce male
Granata sorpassati dal Catania al secondo posto

Finisce male la regular season della squadra di Calori, battuta pesantemente in Calabria. I rossazzurri vincono col Rende e conquistano la seconda posizione in classifica, a danno proprio della formazione granata

Luca Di Noto

Foto di: trapanicalcio.it

Foto di: trapanicalcio.it

Il Trapani cade a Cosenza (squadra che si dimostra una volta di più la vera bestia nera dei granata) e così facendo consegna il secondo posto in classifica al Cataniaabile a imporsi sul Rende con il risultato di 6-1. Una brutta prestazione per gli uomini di Calori, sconfitti per 4-2 dopo aver chiuso il primo tempo sotto addirittura per 3-0.

In campo fa abbastanza caldo e i ritmi, almeno inizialmente, non sono altissimi. Il risultato però si sblocca al 17’, quando Perez è lanciato in avanti ma è anticipato da Silvestri. L’attaccante però recupera la sfera servendola a Tutino che a tu per tu con Furlan non sbaglia. I granata provano a reagire ma sono sfortunati con una traversa colpita al 25’ da Bastoni, con un mancino su calcio di punizione. Un minuto dopo, ecco il raddoppio rossoblu: lancio dal fondo di Saracco, Perez prolunga di testa e Drudi sbaglia il controllo, consentendo a Tutino di involarsi e realizzare la doppietta. I cosentini giocano sul velluto e allora Calori provvede a una doppia sostituzione: fuori Scarsella e Silvestri, dentro Steffé e Fazio. E proprio quest’ultimo, al 37’, rende ancora più amaro il passivo per i siciliani, con un autogol arrivato deviando un cross di Boniotti. Prima dell’intervallo, ci prova Corapi, ma Saracco risponde presente.

Calori rinuncia anche a Marras, sostituito da Dambros, ma la migliore occasione in avvio di ripresa ce l’ha ancora una volta la squadra di Braglia, con Perez che impegna Furlan, abile a opporsi in due tempi. Al 59’ piove sul bagnato per il Trapani, con un calcio di rigore concesso per una testata fortuita di Pagliarulo ai danni di Perez (costretto a uscire). Sul dischetto va Bruccini, ma Furlan neutralizza il suo tentativo. La parata dà linfa vitale ai granata che al 73’ accorciano con Drudi, che sugli sviluppi di un corner salta più in alto di tutti e batte Saracco. Otto minuti più tardi è ancora Drudi a riaprirla definitivamente, con il difensore che si fa trovare pronto su un cross di Fazio, ciccando il pallone ma mettendo ancora una volta in rete. All’85’, Trapani vicino al pari con Campagnacci, ma Saracco gli chiude lo specchio della porta. Al 91’è il palo a negare il pareggio ai granata, con Dambros che colpisce il legno. In pieno recupero ci pensa però ancora una volta Tutino, tripletta per lui, a chiudere però il match approfittando di un assist di Okereke e mettendo alle spalle di Furlan.

COSENZA (3-5-1-1): Saracco; Pasqualoni (70' Corsi), Dermaku, Camigliano (67' Pascali); Boniotti, Bruccini, Calamai (61' Loviso), Trovato, D'Orazio (71' Ramos); Tutino; Perez (61' Okereke). A disp.: Zommers, Mungo, Azzinari, Collocolo. All. Braglia.

TRAPANI (3-5-2): Furlan; Drudi, Pagliarulo, Silvestri (35' Fazio); Marras (46' Dambros), Scarsella (35' Steffé), Corapi (63' Aloi), Palumbo, Bastoni; Evacuo, Murano (70' Campagnacci). A disp.: Pacini, Ferrara, Rizzo, Ferretti, Canino, Girasole, Minelli. All. Calori.

ARBITRO: Mei di Pesaro (Spiniello-Colinucci)

MARCATORI: 16', 26', 94' Tutino, 37' aut. Fazio-74', 79' Drudi

NOTE: Ammoniti: Bruccini, Pasqualoni, Tutino (C), Fazio (T). Al 61' Furlan (T) respinge un calcio di rigore battuto da Bruccini (C).

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×