Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Raffadali, sequestrato studio di un finto fisiatra
Una coppia lo avrebbe aiutato a trovare clienti

I dubbi che l'uomo non fosse realmente un professionista si sono insinuati fin da subito, sia per il timbro sulla documentazione rilasciata ai clienti, sia per l’efficacia discutibile di alcune terapie somministrate. Quando poi i carabinieri hanno accertato che non era iscritto all’albo dei fisiatri, sono scattate le indagini 

Redazione

Avrebbe esercitato abusivamente la professione medica in uno studio improvvisato a Raffadali, in provincia di Agrigento, con l’aiuto di una coppia di coniugi che gli procacciavano i clienti. È questo lo scenario che hanno scoperto i carabinieri in un'indagine lampo, nata a seguito di alcune segnalazioni ricevute da cittadini del luogo, secondo cui un uomo marocchino che si era da poco stabilito nel piccolo paese agrigentino, aveva iniziato ad esercitare la specifica professione, con il supporto di una coppia di coniugi.

I dubbi che lo straniero non fosse realmente un fisiatra si sono insinuati fin da subito, sia per il timbro apposto sulla documentazione rilasciata ai clienti, sia per l’efficacia discutibile di alcune terapie somministrate. Quando poi i carabinieri hanno accertato che non era iscritto all’albo dei fisiatri, sono scattate le indagini con servizi svolti da militari in borghese, per accertare le abitudini ed i luoghi frequentati dall'uomo. 

È quindi scattato un blitz nello studio abusivo, dove i carabinieri hanno trovato diversi macchinari ed elettrostimolatori, insieme ad alcuni blocchetti di ricevute sanitarie; l'uomo, che non ha prodotto alcun titolo abilitativo che dimostrasse di poter esercitare la professione, è stato condotto in caserma. Nel frattempo sono state raccolte testimonianze relative a terapie, manipolazioni ed elettrostimolazioni effettuate su ignari pazienti. 

Al termine degli accertamenti, i carabinieri hanno denunciato all’autorità giudiziaria il marocchino A.A. 48 enne, così come la coppia che lo aiutava, per truffa ed esercizio abusivo della professione medica, sequestrando lo studio improvvisato, i macchinari e la documentazione sanitaria prodotta, da cui è emerso che il sedicente fisiatra avrebbe illecitamente intascato complessivamente circa 50mila euro.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×