Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sigonella, sfilano in centinaia contro guerra in Siria
«Fronteggiamo chi calpesta la nostra Costituzione»

Attimi di tensione all'ingresso della base Nato. «Vorremmo che venisse smilitarizzata - dice a MeridioNews un componente del comitato No Muos/No Sigonella, una delle realtà che ha promosso la manifestazione - Ma siamo qui per chiedere che vengano fermati tutti i massacri in atto in Medioriente». Guarda le foto

Foto di: Giordano Pennisi

Foto di: Giordano Pennisi

«No alla guerra. Stop ai bombardamenti in Siria». A riassumere il senso della manifestazione di oggi pomeriggio a Sigonella, indetta dal movimento No Muos, ci pensano le poche parole scritte a caratteri cubitali sullo striscione che apre il corteo. Secondo le forze dell'ordine, sono circa duecento i manifestanti, appartenenti a diverse realtà sociali e politiche, che sfilano con le mani alzate in aria «per chiedere che vengano fermati tutti i massacri in atto in Medioriente». 

Qualche attimo di tensione e un faccia a faccia con i poliziotti quando il corteo si avvicina al cancello d'ingresso della base Nato. «Siamo qui - dice a MeridioNews Alfonso Di Stefano, componente del comitato No Muos/No Sigonella che ha organizzato la manifestazione - per denunciare i crescenti preparativi di guerra e per batterci affinché venga bloccata la complicità dell'Italia che mette a disposizione le basi per questi attacchi». Le forze armate di Francia, Usa e Gran Bretagna nei giorni scorsi hanno attaccato la Siria «e questo sta facendo degenerare un conflitto già esplosivo in tutto il Medioriente».

«La Sicilia - dicono dal comitato di base No Muos/No Sigonella - ha un ruolo centrale a partire da Sigonella, dove stazionano e decollano i pattugliatori Poseidon, i droni-spia Global Hawk, i droni armati di missili Predator. La nostra Isola è diventata un avamposto anche con il porto nucleare di Augusta, l’aeroporto di Pantelleria e i radar di Lampedusa a Niscemi. Inoltre - aggiungono - dal 24 aprile al 25 maggio l’aeroporto catanese di Fontanarossa subirà limitazioni dei voli per dare priorità agli interventi militari».

A guidare i passi dei manifestanti sono i principi fondamentali della Costituzione che vengono richiamati a più riprese anche durante il corteo. «Vogliamo che venga rispettato fino in fondo il dettato costituzionale che ripudia la guerra ma che, invece, troppo spesso viene calpestato. A dirla tutta - continua Di Stefano - noi vorremmo che Sigonella venisse completamente smilitarizzata». 

Giovani e adulti, uomini e donne. Ognuno con la bandiera che meglio rappresenta i propri ideali. «Non potevamo restare inerti di fronte a quegli attacchi - dice Damiano Cucè, portavoce di Potere al popolo di Catania e attivista della Comunità resistente piazzetta - Siamo qui per esprimere il nostro dissenso nei confronti di questa guerra imprevista e ingiustificata e della presenza delle basi statunitensi in Sicilia. Noi, anzi, siamo per il totale disarmo e per la fuoriuscita dell'Italia dalla Nato e della Nato dall'Italia. Sarebbe più giusto che le inutili spese militari venissero riconvertite per investimenti sociali in modo da poter offrire a tutti i cittadini servizi dignitosi e per garantire il rispetto dei diritti di ognuno».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×