Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, Trischitta abbandona Forza Italia e si candida
«Non si può restare nel partito che accoglie Genovese»

Il consigliere azzurro questa mattina ha annunciato l'intenzione di correre alle Amministrative in maniera autonoma. Dure le parole contro l'ex parlamentare del Pd e politico forzista di riferimento, ma anche nei confronti del commissario Gianfranco Miccichè: «Mi ha chiamato per dirmi di farmi da parte»

Simona Arena

Non si può certo definire un fulmine a ciel sereno la decisione di Giuseppe Trischitta di lasciare Forza Italia. Che la sua candidatura annunciata con netto anticipo rispetto a quanto accaduto alle Regionali e alle Politiche aveva fatto storcere il naso a più persone era risaputo. Ma lui era sempre andato dritto per la sua strada. 

Oggi il consigliere comunale e capogruppo del partito forzista a palazzo Zanca ha rotto ogni indugio spiegando perché non può più restare nel partito che ha rappresentato negli ultimi cinque anni. Spiegando che sarà uno degli avversari di Dino Bramanti, candidato a sindaco del centrodestra scelto direttamente dal presidente Nello Musumeci, come ribadito più volte dall’ex direttore scientifico dell’Irccs Neurolesi di Messina. La pensa diversamente Trischitta. «Accetto Sciacca, accetto Accorinti, ma non Bramanti perché rappresenta un gruppo che vuole metter le mani sulla città. Professionalmente non posso dire nulla, massima stima. Ma non è un politico». 

L’ex capogruppo parla di un poker d’assi, rappresentato secondo lui da Francantonio Genovese, Bramanti, dalla deputata regionale  Elvira Amata e Gianfranco Miccichè. Un poker calato dall’alto contro la città e contro cui intende schierarsi. «Non ho mai sperato di avere l’appoggio e la candidatura di Forza Italia - sottolinea- ma non ho mai accettato l’ingresso di Genovese nel partito. Non voglio i suoi voti. Non potevo restare in un partito che ha dato mandato a Francantonio Genovese, a suo figlio Luigi e a Bramanti di comporre le liste del partito». Trischitta racconta anche che molti leader nazionali gli avevano garantito che sarebbe rimasto per pochi mesi. «Adesso addirittura gli si danno in mano le liste per le Amministrative». A chiedere a Trischitta di tirarsi fuori dai giochi sarebbe stato anche Gianfranco Miccichè, commissario Fi regionale. «Mi ha contattato solo per farmi desistere. Ma io continuo da solo con il mio movimento Messina splendida. Non mi riconosco più - conclude - in un partito che accetta tutto pur di non perdere i voti di un ex segretario del Pd».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×