Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vitale, il banchiere portato da Sgarbi per Selinunte
«Soldi e progetto ci sono, dipende dalla Regione»

«In Sicilia avete un problema: non riuscite a vedere nel lungo periodo». Oggi a Palermo, l'81enne Guido Roberto Vitale attende di essere ricevuto da Musumeci. In concomitanza con le dimissioni di Sgarbi, parla a MeridioNews. «Mi occuperò di trovare finanziatori disposti a investire sul parco. C’è già qualcuno interessato»

Roberto Chifari

Foto di: Roberto Chifari

Foto di: Roberto Chifari

«Io mecenate? Non dite cazzate», inizia così la chiacchierata con Guido Roberto Vitale, 81 anni banchiere e uomo d’affari, indicato dall’ormai ex assessore ai Beni culturali, Vittorio Sgarbi, come colui che dovrebbe garantire l'investimento da 39 milioni di euro per la ricostruzione del Tempio G del parco di Selinunte.

Dottor Vitale, ci sono davvero 39 milioni di euro per il parco?
«Partiamo dal fatto che siamo nella fase embrionale di un progetto che è stato ideato per ricostruire il tempio G. Sulla carta i finanziamenti ci sono, il progetto c’è e c’è anche uno studio di fattibilità».

Quindi si ricostruirebbe solo il tempio e non il resto dell’area archeologica che invece, è in condizioni inadeguate per essere uno dei siti più visitati dell’isola.
«Il progetto è sul recupero del Tempio G, il resto non è di nostra competenza».

Da dove arriveranno questi soldi?
«Di certo non glieli metto di tasca mia. Ecco perché non sono il mecenate indicato dal mio amico Sgarbi. Io mi occuperò di trovare finanziatori disposti a investire sul parco. C’è già qualcuno interessato, ma dobbiamo capire che intenzioni ha la Regione Siciliana sul futuro dell’area archeologica».

Come mai Sgarbi l’ha coinvolta?
«C’è una lunga amicizia che ci lega. Mi ha presentato il progetto e io l’ho ritenuto valido. Se ci sarà l’ok da parte delle istituzioni partiremo subito».

Incontrerà il governatore Musumeci?
«Mi auguro di essere ricevuto. Oggi sono qui a Palermo solo per questo motivo. I finanziamenti si trovano nel giro di qualche mese. Possiamo partire con il piano esecutivo e i cantieri entro il 2018».

Ma è davvero fattibile ricostruire ex novo un tempio di cui non si ha la conformazione originale?
«Altro che. La ricostruzione del Tempio porterebbe moltissimi turisti alla Sicilia e avrebbe ricadute positive sull’economia locale. Non è affatto difficile trovare gli investitori, manca altro».

Cosa?
«Manca la volontà di fare le cose. Vedete, voi siciliani avete un problema: a volte non riuscite a vedere nel lungo periodo. Manca la progettualità, la voglia di coinvolgere le istituzioni, canalizzare i finanziamenti che arrivano sul territorio e poi, manca la fermezza nell’evitare lo sperpero di denaro pubblico».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×