Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Valle Templi, indagine su terreno venduto da Regione
Adibito a parcheggio per hotel, arrestato albergatore

Misura cautelare per l'82enne Vincenzo Sinatra, titolare dell'Hotel della Valle e suocero dell’onorevole di Forza Italia  Riccardo Gallo Afflitto. Il piano sarebbe stato messo in atto con la complicità di un architetto e due funzionarie del servizio Patrimonio. L'area è stata sequestrata

Irene Milisenda

Foto di: Hotel della Valle

Foto di: Hotel della Valle

Un'area sottoposta a vincolo archeologico, vicino alla Valle dei Templi, venduta dalla Regione sulla base di atti falsi e adibita abusivamente a parcheggio funzionale a un albergo. Per queste accuse i poliziotti della Digos di Agrigento hanno arrestato per abuso d’ufficio e falso ideologico l’albergatore Vincenzo Sinatra, 82 anni, titolare dell’Hotel della Valle, suocero dell’onorevole di Forza Italia  Riccardo Gallo Afflitto. Il Gip del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, su richiesta del pm Alessandra Russo, ha emesso un provvedimento di arresti domiciliari.

Sinatra, rappresentante della Tas S.r.l, sarebbe riuscito ad ottenere a prezzi stracciati, diecimila euro circa, la vendita di 3500 metri quadrati di terreno di proprietà della Regione Siciliana nel territorio del Comune di Agrigento nel complesso denominato Villa Genuardi. Il terreno rientra in un'area di interesse archeologico. L'operazione sarebbe stata portata avanti con la complicità dell'architetto salernitano Tito Cece, 71 anni; della dirigente regionale Dania Ciaceri, 62enne di Noto, dipendente del servizio Patrimonio del dipartimento del Bilancio; e della funzionaria regionale Ninfa Cangemi, 57 anni, anche lei al servizio Patrimonio del dipartimento Bilancio, anche loro indagati. 

L'atto di vendita sarebbe falso perché ha per oggetto un’area molto più estesa rispetto a quella sulla quale la Soprintendenza dei Beni Culturali di Agrigento aveva espresso parere positivo alla vendita in favore della Tas. Il terreno è stato quindi posto sotto sequestro e consegnato al direttore del Parco archeologico Valle dei templi. Le indagini che vedono coinvolti pubblici amministratori, dirigenti regionali e liberi professionisti sono ancora in corso. «Per i reati commessi a Palermo - spiega il procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio - i relativi atti, dopo le incombenze di carattere urgente, verranno trasferiti alla competente Procura del capoluogo».

Il Comune di Agrigento già nel 2015 aveva fatto apporre i sigilli al parcheggio abusivo, che poi veniva riaperto incassando denaro coi biglietti, servizi, bibite, souvenir, navette fornite ai turisti. Poi nel 2016 la Regione aveva avviato un’ispezione su 50 compravendite senza evidenza pubblica di terreni e beni demaniali a privati in giro per l'Isola. Terreni, in alcuni casi, ricadenti anche in aree archeologiche e ceduti ad alberghi come accaduto ad Agrigento, nel cuore della Valle dei Templi.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×