Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Custonaci, tenta di uccidere conoscente per debiti
Accoltellato all'addome, versa in gravi condizioni

È stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio Domenico Fiordilino, 29enne del luogo con diversi precedenti. Avrebbe colpito con un lungo coltello un uomo che, nonostante l'intervento chirurgico, è ancora in pericolo di vita. Il responsabile è stato bloccato nella sua abitazione mediante l'uso di spray al peperoncino

Redazione

Rischia di morire nonostante l'intervento a cui è stato sottoposto un uomo accoltellato all'addome da un conoscente con cui aveva avuto pregresse questioni legate a un debito. È successo a Custonaci, in provincia di Trapani, dove è stato arrestato Domenico Fiordilino, 29enne del luogo con precedenti di polizia per minaccia, danneggiamento, violenza a pubblico ufficiale, atti osceni, lesioni personali e porto di armi ed oggetti atti ad offendere. Deve rispondere dell'accusa di tentato omicidio.

Sono stati i carabinieri della stazione di Custonaci ieri pomeriggio ad arrestare Fiordilino. L'uomo, intorno alle 13.30 dopo aver incontrato e discusso con la vittima avrebbe estratto da sotto la maglia un grosso coltello da cucina e lo avrebbe colpito con un fendente all'addome, lasciandolo a terra in un bagno di sangue. La vittima è stata subito soccorsa dalla zia che lo ha accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale di Trapani, dove è stato sottoposto ad una delicata operazione chirurgica viste le gravissime lesioni riportate al fegato e allo stomaco. Nonostante l’intervento dei medici, l'uomo è ancora ricoverato in prognosi riservata e versa in pericolo di vita, sarà necessario attendere ancora qualche giorno prima di sciogliere la prognosi e dichiararlo fuori pericolo. 

I carabinieri, al termine delle indagini, hanno identificato il colpevole e lo hanno raggiunto nella sua abitazione. Fiordilino, vedendo arrivare le pattuglie, si è barricato in bagno, minacciando di morte i militari che hanno provato a portare alla calma il soggetto, preparandosi a buttare giù la porta se ce ne fosse stato bisogno. Dopo qualche minuto tuttavia, lo stesso Fiordilino è uscito autonomamente dalla stanza e si sarebbe scagliato contro i carabinieri che, utilizzando lo spray al peperoncino di recente assegnazione all’Arma, lo hanno immobilizzato e condotto in caserma. 

La perquisizione domiciliare ha quindi permesso di trovare l’arma e i vestiti indossati dall'uomo, nascosti e intrisi di evidenti tracce ematiche. L’arrestato, al termine della compilazione degli atti di rito è stato portato nel carcere di Trapani a disposizione dell’autorità giudiziaria in attesa della convalida dell’arresto.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×