Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mafia, sequestrato l'impero dell'agrigentino Romano
Calcestruzzo e fibra ottica: patrimonio da 120 milioni

La Guardia di finanza di Palermo ha messo i sigilli su dieci società, immobili, terreni e automezzi riconducibili a Calogero Romano, condannato nel 2016 per concorso esterno a Cosa Nostra. Determinanti le dichiarazioni di due pentiti: Di Gati e Gagliardo. Il cemento incriminato usato per il centro commerciale Le Vigne

Redazione

Un impero economico - partito col calcestruzzo e differenziato negli anni coinvolgendo la realizzazione di reti telematiche con la posa di cavi elettrici e telefonici - realizzato grazie ai rapporti di connivenza con esponenti di spicco di Cosa Nostra di Agrigento. È con questa accusa che il Gico della Finanza di Palermo ha sequestrato società, conti correnti, immobili e terreni per un valore complessivo di 120 milioni di euro, riconducibili a Calogero Romano, noto imprenditore di Racalmuto, condannato nel 2016 in primo grado a sei anni e sei mesi per concorso esterno all'associazione mafiosa. Determinante per fare luce sui rapporti sono stati due pentiti, Maurizio Di Gati e Ignazio Gagliardo, che nel corso dei decenni sarebbero stati diretti riferimenti per Romano. 

Il provvedimento di sequestro è stato chiesto dalla Procura di Palermo e disposto dal Tribunale di Agrigento. Secondo gli investigatori, l'imprenditore ha intrattenuto per un ventennio rapporti diretti con i clan agrigentini, beneficiando in particolare dell’appoggio e della protezione di esponenti della famiglia di Racalmuto, con l'obiettivo di ottenere vantaggi per le proprie imprese nel settore edilizio e nel mercato del calcestruzzo.

In particolare, tra il 1992 ed il 2012 l’imprenditore avrebbe consentito a Ignazio Gagliardo, Calogero Gagliardo e Maurizio Di Gati di gestire l’impianto di calcestruzzo formalmente riconducibile alle società di Romano: la Eredi Romano di Romano Calogero & C. s.n.c., la Romano srl e la Ierre srl.  In cambio l'imprenditore di Racalmuto avrebbe ottenuto lo sviluppo della propria attività economica che si è diversificata, conquistando il mercato delle telecomunicazioni. Nel tempo sono state costituite molte società specializzate nella posa di cavi elettrici e telefonici - tra cui la Beton 640, la Mediterranea Cavi s.p.a. e la Romano Telecomunicazioni srl. Inoltre Romano ha costituito la Program Group Racing Engineering , proprietaria del noto Autodromo Internazionale Valle dei Templi di Racalmuto. 

Secondo gli inquirenti, con il consenso di Giuseppe Falsone, boss di Campobello di Licata e ritenuto in passato il capo di Cosa Nostra agrigentina, l'imprenditore avrebbe fornito alle aziende riconducibili a Angelo Di Bella e Vincenzo Leone, appartenenti alla famiglia mafiosa di Canicattì, il calcestruzzo necessario alla realizzazione dei lavori di costruzione del centro commerciale Le Vigne, tra Agrigento e Caltanissetta; il tutto sotto il controllo della famiglia mafiosa egemone sul territorio. I finanzieri hanno peraltro accertato che per l’edificazione del centro commerciale, Romano avrebbe fatto sistematico ricorso a sovrafatturazioni delle forniture di calcestruzzo, per precostituire fondi neri necessari al sostentamento della famiglia mafiosa di Canicattì. 

Dopo essere diventati collaboratori di giustizia, Di Gati e Ignazio Gagliardo hanno parlato delle attività di Romano, dalle loro dichiarazioni sono partiti gli investigatori del Gico della Guardia di Finanza di Palermo per verificare la situazione economico-patrimoniale dell'imprenditore, facendo emergere «una ingente sperequazione fra redditi leciti, patrimoni accumulati ed investimenti, sulla base della quale è stata applicata la misura patrimoniale del sequestro finalizzato alla confisca». 

I sigilli sono scattati su dieci aziende, di cui due ditte individuali e otto società, fra le quali la ditta individuale Romano Calogero, operante nel settore immobiliare, la Romano srl e la Mediterranea Cavi spa, attive nella produzione e posa di cavi, la Romano Telecomunicazioni srl, la Program Group Racing Engineering, proprietaria dell’autodromo della Valle dei Templi, la Ierre srl e la I.F.I.S. Real Estate; inoltre sono stati sequestrati decine di automezzi; 16 rapporti bancari e 119 immobili tra terreni e abitazioni.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×