Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Licata, sequestrato porto turistico Cala del Sole
Sigilli anche a residenze e attività commerciali

Da ieri decine di agenti della squadra mobile e della guardia costiera stanno eseguendo il provvedimento emesso dal gip di Agrigento. Secondo l'accusa ci sarebbe una presunta occupazione abusiva delle aree demaniali e i lavori sarebbero stati realizzati diversamente rispetto alla concessione data dalla Regione

Andrea Turco

Vanno avanti da ieri e promettono di riservare ulteriori sorprese le operazioni con le quali la procura della Repubblica di Agrigento ha disposto il sequestro del porto turistico di Licata. Oltre ai 1500 posti per le imbarcazioni di Marina Cala del Sole, il provvedimento emesso dal gip Stefano Zammuto riguarderebbe anche tutti gli immobili attinenti: dalle aree commerciali ai servizi portuali fino ai due borghi turistico-ricettivi. A eseguire il provvedimento sono stati decine di agenti della squadra mobile e della guardia costiera di Agrigento.

Nella complessa operazione, che verrà illustrata domani in una conferenza stampa, risulterebbe anche un folto numero di indagati. La vicenda del porto turistico di Licata si è rivelata un vero e proprio ginepraio. A partire dall'assenza del pagamento degli oneri di concessione non corrisposto al Comune dalla società privata che ha realizzato le strutture, vale a dire Iniziative Immobiliari srl. Un mancato introito di circa sette milioni di euro, per il quale è stato chiesto il rinvio a giudizio del dirigente comunale Vincenzo Ortega e dell'imprenditore Luigi Francesco Geraci. Il 26 marzo è previsto l'inizio del processo davanti al gup Malato. 

Questa volta poi a essere danneggiata dall'operazione potrebbe essere anche la Regione Siciliana. Alla base del sequestro, infatti, ci sarebbe anche la presunta occupazione abusiva delle aree demaniali, cioè di competenza proprio della Regione. Oggetto della questione sarebbe dunque la concessione che gli uffici regionali hanno concesso il 22 maggio 2006, riguardante una superficie complessiva di 501mila 698 metri quadrati di specchio acqueo per la durata di 99 anni e che prevedeva espressamente la realizzazione delle opere di progetto in tre distinte fasi e con precise scadenze

Come evidenziato dagli atti pubblici raccolti dall'associazione antimafia A Testa Alta, che segue le vicende del porto di Licata da alcuni anni, oltre all'inadempienza agli obblighi contrattuali e in particolare a quelli connessi al pagamento (anticipato) dei canoni di concessione, le opere sarebbero state realizzate in difformità al cronoprogramma, con priorità data a opere che rientravano nella seconda fase. Come la costruzione dei due centri commerciali e delle altre attività commerciali che insistono sulla zona. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×