Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Politiche 2018, quello che c'è da sapere sul voto
Dal debutto del Rosatellum al tagliando antifrode

Si potrà andare ai seggi dalle 7 alle 23. Subito dopo partirà lo scrutinio. Esclusa ancora una volta la possibilità di esprimere preferenza, il sistema prevede un misto tra metodo maggioritario e proporzionale. Per la prima volta verrà sperimentata l'etichettatura delle schede per assicurare che non ne entrino nei seggi altre già segnate

Redazione

Sono oltre quattro milioni e mezzo i residenti in Sicilia chiamati a votare per le elezioni Politiche 2018. I seggi sono aperti dalle 7 alle 23. In ballo c'è la formazione del nuovo parlamento nazionale, rimasto bicamerale, dopo la conferma venuta fuori dal referendum costituzionale del dicembre 2016. Archiviato il Porcellum, in questa tornata debutterà il Rosatellum, un sistema misto che mette in palio sia seggi da attribuire con il metodo maggioritario (collegi uninominali) che con il proporzionale (collegi plurinominali), nei quali ogni partito schiera una rosa di candidati. Ancora una volta si voterà senza possibilità per l'elettore di esprimere preferenze per singoli candidati. 

A potersi recare alle urne saranno, per la Camera, le persone che hanno compiuto 18 anni, mentre per il Senato chi ne ha già 25. Bisognerà avere con sé la tessera elettorale - per chi ne fosse sprovvisto potrà richiederla all'ufficio elettorale del proprio Comune - e un documento di identità. Per ogni ramo del parlamento verrà data una scheda di colore diverso: rosa per la Camera, gialla per il Senato. In entrambi i casi, l'elettore si troverà davanti i nomi dei candidati al collegio uninominale scritti entro un apposito rettangolo, al di sotto del quale saranno riportati - anche in questo caso all'interno di specifici rettangoli - i simboli dei vari partiti che sostengono il candidato all'uninominale e, accanto, i nomi dei candidati inseriti nei listini.

Per la prima volta verrà sperimentato il tagliando antifrode sulle schede elettorali. In ognuna di esse è infatti apposto un codice alfanumerico che, al momento della consegna della scheda all'elettore, verrà appuntato dal presidente di seggio su un apposito registro. Dopo che il voto sarà stato espresso e prima dell'inserimento nell'urna, il codice verrà controllato e - verificato la coincidenza con quello precedentemente segnato - verrà asportato. Successivamente verrà imbucata la scheda.

Come si vota
L'elettore avrà diverse possibilità: 

- se si traccia soltanto un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi del collegio plurinominale, il voto automaticamente si trasferisce anche al candidato uninominale sostenuto dal partito o dalla coalizione. 

- se si barrano il nome del candidato all'uninominale e uno dei partiti che lo sostengono, le preferenze vanno sia al candidato all'uninominale che al partito specifico selezionato dall'elettore. 

- se si barra soltanto il nome del candidato all'uninominale, il voto per i collegi plurinominali sarà ripartito tra le liste della coalizione in proporzione ai voti ottenuti da ciascuna di esse nel collegio uninominale.

Voti non validi
Non essendoci il voto disgiunto, saranno annullate le schede che riporteranno un segno per un candidato all'uninominale e un altro per una lista a esso non collegata.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.