Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Salemi, unica squadra imbattuta tra Eccellenza e Promozione
«Record che fa piacere, lotteremo per vincere il campionato»

In 24 gare, i giallorossi hanno conquistato 16 vittorie e otto pareggi, occupando la seconda posizione alle spalle del Partinicaudace. «Fin quando la matematica ce lo consentirà noi ci crediamo», spiega mister Antonio Putaggio

Luca Di Noto

Foto di: pagina Facebook APD Salemi 1930

Foto di: pagina Facebook APD Salemi 1930

«Classificare le nostre ultime due trasferte come partite di calcio sarebbe troppo. Siamo andati sui campi di Partinico e della Libertas e si tratta di terreni impraticabili. E poi gli arbitri sono inesperti, non avrebbero dovuto farci giocare, i ragazzi rischiavano di farsi male». Senza peli sulla lingua, il tecnico del Salemi, Antonio Putaggio, descrive così a MeridioNews le ultime due gare giocate dalla sua squadra lontano dalle mura amiche. «Credo che siamo la squadra che gioca il miglior calcio - prosegue l’allenatore -, almeno questo è quello che dicono anche gli altri. Ma in campi del genere non può giocare nessuno, nemmeno il Partinicaudace che è la più forte, vista la prima posizione in classifica». I giallorossi occupano la seconda posizione ma, a sei gare dal termine, non si dichiarano ancora vinti: «Fin quando la matematica non dirà che il Partinicaudace avrà vinto il campionato, noi daremo il massimo».

Tra Eccellenza e Promozione, la squadra trapanese detiene un singolare record: essere l’unica formazione imbattuta in campionato (16 vittorie e otto pareggi in 24 partite): «La difesa ha incassato appena otto gol in tutto il campionato e abbiamo il secondo miglior attacco del girone. Ma non dobbiamo scordarci che siamo pur sempre secondi». Risultati frutto del lavoro: «Ci alleniamo quattro volte alla settimana. Meno non potremmo fare. Il gruppo è fantastico e si sacrifica. Il fatto di prendere meno gol degli altri magari fa pensare che siano i difensori a essere bravi in particolare. Invece è l’intera squadra che in fase di non possesso è molto capace».

Anche qui, però, bisogna fare i conti con il lavoro dei ragazzi, situazione che è diventata ancora più complicata da quando il Salemi è costretto a giocare lontano da casa. «Ci alleniamo la sera, dipende anche dalla situazione relativa al campo, visto che da due mesi circa ci alleniamo e giochiamo lontano da Salemi. Questo ci penalizza un po’. Abbiamo giocato in giro per la provincia, a Strasatti, Castellammare, Mazara, San Vito Lo Capo… Abbiamo anche dovuto diminuire gli allenamenti, perché purtroppo a campionato in corso sono iniziati i lavori per il rifacimento del manto erboso e della tribuna dello stadio».

Per quanto riguarda il lavoro che intralcia gli allenamenti, il mister ha notato una notevole differenza con le altre categorie: «Ho fatto Eccellenza e anche qualche mese di serie D. Da due anni faccio la Promozione e la differenza è sostanziale. In D e in Eccellenza ti alleni alle 14,30, quasi tutti i giocatori fanno solamente calcio. In Promozione, invece, la maggior parte dei calciatori si allena come dopolavoro. Noi cerchiamo comunque di ottenere il massimo dal punto di vista fisico, tecnico, atletico e tattico». Infine, il tecnico appare determinato a ribadire che la sua squadra ce la metterà tutta per insidiare il primato del Partinicaudace: «Giocheremo sempre per vincere, perché la nostra mentalità è quella, anche se poi le statistiche dicono che abbiamo fatto parecchi pareggi, essendo però poco fortunati o poco lucidi. Cercheremo di fare più punti possibile per dare fastidio al Partinicaudace e ottenere così, direttamente o tramite i play off, la promozione in Eccellenza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×