Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Agrigento: frana costone, sei famiglie sgomberate
Sindaco: «Comune può pagare massimo tre notti»

Un problema che si trascina da anni e che negli ultimi giorni ha vissuto un'accelerazione drammatica con il cedimento del terreno nella frazione Monserrato che ha costretto la protezione civile a far allontanare i residenti. «Non sappiamo dove andare e cosa fare», dicono

Irene Milisenda

Paura in via Favignava, a Monserrato, frazione di Agrigento, per il cedimento del terreno legato al movimento franoso del costone che rappresenta un grave pericolo. L’area a rischio era già stata transennata con una staccionata di legno, molto precaria, e le ringhiere, il muretto e alcuni pali dell’illuminazione, sono scivolati giù a valle, a causa anche delle forte piogge che si sono abbattute in queste ultime ore sul versante agrigentino. Intanto la Protezione civile comunale ha effettuato un sopralluogo ed ha accertato che l'evoluzione del dissesto si è aggravata e il Comune di Agrigento ha ordinato lo sgombero di sei famiglie. 

Nei mesi scorsi era stata chiusa al transito pedonale e veicolare della stessa via a garanzia della incolumità pubblica. «Da più di undici anni siamo in questa situazione e nessuno mai si è interessato di noi. Oggi vengono con un mandato di sgombero, ma noi non sappiamo dove andare e cosa fare». Così una delle residenti del civico 5 di Via Favignana, costretta a fare le valigie e abbandonare le proprie abitazioni per ragioni di sicurezza. «Vedremo se possono essere ospitate da familiari - ha spiegato il sindaco di Agrigento Lillo FirettoIl Comune può trovare una sistemazione in albergo per massimo tre notti. Ma non ci sono i soldi per garantire oltre la loro sistemazione».

Nel frattempo nella giornata di ieri, mentre in Prefettura si svolgeva una riunione con tutti gli enti interessati, Firetto si trovava a Palermo e ha portato la problematica sul tavolo del presidente della Regione Nello Musumeci e dell'assessore al ramo Totò Cordaro. «C'è un progetto per metterlo in sicurezza già inserito sulla piattaforma nazionale Rendis lo scorso ottobre ha spiegato il sindaco - Si tratta di un piano di lavori di 4 milioni e 200mila euro. Ma è tutto ancora in itinere, mi impegnerò a far arrivare questi soldi».

Lo scivolamento del costone di Monserrato va avanti da oltre dieci anni, ma negli ultimi tre giorni la situazione è precipitata. «Una vicenda che si può definire con un solo termine: Vergogna! Si devono vergognare tutti», afferma il consigliere comunale Marco Vullo, che già in precedenza aveva sollecitato l’amministrazione comunale a prendere provvedimenti. «Insieme ai cittadini che oggi sono costretti ad abbandonare le loro case, abbiamo più volte sollecitato l’amministrazione comunale e quella regionale, abbiamo scritto all’ex presidente della Regione, ma nessuno mai c’ha dato risposta. Oggi ti ritroviamo in questa grave situazione».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×