Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Rostagno, confermato l'ergastolo per il boss Virga
Assolto presunto killer, ma delitto voluto da mafia

La corte d'appello di Palermo ha ribadito la responsabilità di Vincenzo Virga come mandante dell'omicidio, che sarebbe stato voluto da Cosa nostra per mettere a tacere il giornalista che stava indagando sulle famiglie trapanesi. Cadute invece le accuse nei confronti di Vito Mazzara, con la difesa che 

Redazione

Confermata dalla corte d'appello di Palermo la condanna all'ergastolo per il boss trapanese Vincenzo Virga, accusato di essere il mandante del giornalista e sociologo Mauro Rostagno, assassinato il 26 settembre del 1988 nelle campagne di Lenzi, alle porte di Trapani, a un tiro di schioppo dalla comunità Saman. Assoluzione invece per il killer di Cosa nostra trapanese, Vito Mazzara, considerato dagli inquirenti l'esecutore materiale del delitto e condannato in primo grado all'ergastolo dai giudici della corte d'Assise di Trapani all'ergastolo. 

Il verdetto della corte ha dunque ribadito parzialmente quanto stabilito in primo grado: a uccidere Rostagno fu la mafia, dopo che le inchieste del giornalista avevano «alzato il velo sugli interessi di cosa nostra trapanese». Non hanno retto invece gli indizi a carico di Mazzara. Contro di lui c'era un esame del Dna. Alcune tracce genetiche, vennero ritrovate sotto i resti della canna del fucile utilizzato per compiere il delitto. Proprio su quelle tracce si sono basate le argomentazioni della difesa. Per gli avvocati, quei reperti non dimostrano la presenza di Mazzara sul luogo del delitto. L'uomo, campione di tiro al volo, ritenuto uno dei killer della cosca trapanese - secondo la tesi difensiva - avrebbe potuto maneggiare l'arma in qualsiasi momento. Sul fucile vennero anche ritrovate alcune tracce genetiche riconducibili a uno zio di Mazzara.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews