Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Emergenza Rifiuti, Musumeci accelera su vasche pubbliche
Altre regioni si rifiutano di ricevere la munnizza siciliana

L'ordinanza che dovrà essere stilata di concerto tra Palermo e Roma dovrebbe prevedere interventi immediati per la realizzazione di spazi in quattro siti non privati. Previsti anche due impianti di compostaggio a Castelbuono e Vittoria. Per l'invio fuori dall'isola, rimane l'ipotesi estero. «Ma è solo filosofia», mormora qualcuno

Simone Olivelli

Foto di: ktphotography

Foto di: ktphotography

Allentare la dipendenza dai privati. Le prime misure inserite nell'ordinanza legata alla dichiarazione dello stato d'emergenza per la gestione dei rifiuti in Sicilia dovrebbero andare in questa direzione. L'indiscrezione arriva da ambienti vicini alla giunta Musumeci, chiamata in questi giorni a concordare con Roma gli interventi da pianificare per affrontare una situazione che potrebbe presto tornare critica, con la saturazione delle discariche e la differenziata che, anche laddove non è ancorata a percentuali lontane dai parametri europei, paga lo scotto della carenza di impianti per il trattamento della spazzatura.

Il presidente della Regione vorrebbe evitare di ritrovarsi con gli autocompattatori in fila davanti ai cancelli chiusi gestiti dalle ditte private, in attesa di nuove ordinanze che ne autorizzino ulteriori abbancamenti. E così, per riuscire ad avere un controllo della situazione quanto più diretto possibile, Musumeci vorrebbe usare i poteri speciali concessi dal governo nazionale per realizzare almeno quattro nuove vasche nelle discariche pubbliche. Oltre alla settima già annunciata per Bellolampo, gli interventi dovrebbero riguardare i siti di Castellana Sicula, Sciacca e Trapani. Nella consapevolezza, comunque, che ciò non rappresenterà la soluzione al problema, ma solo un modo per prendere tempo. I lavori, effettuati in regime emergenziale, dovrebbero godere dell'opportunità di derogare alle norme che regolano gli affidamenti, snellendo le procedure.   

L'ordinanza dovrebbe contenere inoltre specifiche per la costruzione di due nuovi impianti di compostaggio. Il primo a Castelbuono, nel Palermitano, il secondo a Vittoria, in provincia di Ragusa. In questo caso si tratterebbe di un anticipo dell'annunciato piano stralcio, che dovrebbe consentire a tutte le province - nella previsione di fare coincidere con queste ultime gli Ato che dovrebbero prendere il posto delle Srr nella gestione del settore - di dotarsi dell'impiantistica minima per il trattamento dei rifiuti in loco: oltre agli impianti di compostaggio, dovrebbero sorgerne uno per la selezione del differenziato secco, un altro per il trattamento meccanico-biologico e, infine, una vasca dove depositare i rifiuti dopo il trattamento. 

Altro tema a tenere banco, e che potrebbe trovare riferimenti nell'ordinanza, è quello riguardante il bando per spedire i rifiuti fuori dall'isola. A riguardo una novità starebbe nell'impossibilità di fare affidamento sulle altre regioni. Nonostante la motivazione che circola tra i corridoi della Regione sia quella della mancanza di spazio nelle altre discariche italiane, Musumeci si sarebbe scontrato anche con precise indisponibilità politiche da parte degli altri governatori, per nulla interessati ad aprire dispute interne ai propri consigli regionali per accogliere la munnizza siciliana. 

Davanti a questa chiusura, il governo sarebbe di fatto costretto a percorrere la strada dell'invio all'estero. Anche in questo caso, però, le difficoltà non mancano: infatti, nonostante il bando per predisporre una gara internazionale sia in procinto di essere definito, rimane aperta la questione dei costi. La gestione dei rifiuti è di competenza dei Comuni e degli enti gestori, con i servizi che, norme alla mano, vengono finanziati dai ricavi della Tari. È dunque scontato prevedere un aumento delle tasse a carico dei cittadini. «Visto che sono i Comuni a produrre i rifiuti, devono essere loro a sostenere i costi delle spedizioni», è la tesi che viene ribadita nell'assessorato. Dove però c'è poca fiducia nella riuscita del piano: «Comunque alla fine nessun rifiuto andrà all'estero. È solo filosofia». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews