Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani, l'intossicazione a scuola e in caserma
Negativi i primi risultati sugli alimenti esaminati

L'Asp comunica che sui campioni non è stata trovata traccia di bacilli. Si resta in attesa delle altre verifiche, soprattutto sull'acqua. «La ditta che fornisce i pasti è stata ispezionata dai nostri tecnici e hanno verificato che rasenta l'eccellenza», spiega il direttore del dipartimento Prevenzione

Salvo Catalano

Potrebbe non essere stata veicolata dagli alimenti l'intossicazione che ha colpito decine di bambini della scuola elementare e dell'infanzia di Buseto Palizzolo, vicino Trapani, e cinque militari della caserma Giannettino del capoluogo. Sono arrivati infatti i primi risultati effettuati sui campioni di alimenti sequestrati nella struttura militare e l'esito è negativo: non ci sono tracce della tossina stafilococco, del clostridium e dell’escherichia coli. «Serve ancora aspettare gli altri esami - spiega il commissario dell'Asp Giovanni Bavetta - ma una prima ipotesi escluderebbe una trasmissione a causa degli alimenti».

Sotto accusa in queste ore è finita la società che fornisce i pasti sia nell'istituto comprensivo Pitrè Manzoni, che alla caserma. «Ma - precisa Francesco Di Gregorio, direttore del dipartimento Prevenzione, a MeridioNews -, meglio andarci piano, perché la ditta è stata ispezionata dai nostri tecnici e hanno verificato che rasenta l'eccellenza, e che le procedure necessarie sono state seguite correttamente». Determinanti risulteranno dunque i risultati degli esami sugli alimenti della mensa scolastica e soprattutto sull'acqua

«Siamo in piena indagine epidemiologica - continua Di Gregorio - abbiamo incrociato i dati sugli alimenti assunti da tutti i soggetti. Bisogna sottolineare che tutti hanno mangiato alla mensa, ma non tutti le stesse cose. Ad esempio uno dei soggetti colpiti dalla tossinfezione è celiaco, quindi non poteva mangiare gli stessi alimenti degli altri». Resta ancora da capire se all'origine del malessere ci sia un virus o un batterio. Il veicolo alimentare è dunque un'ipotesi definitivamente tramontata? «Non direi - risponde il direttore del dipartimento Prevenzione dell'Asp - gli alimenti potrebbero essere stati contaminati dall'acqua ad esempio, però il batterio o il virus potrebbe anche essere finito su un utensile attraverso le mani di un soggetto portatore». 

La prima ipotesi dell'ufficiale medico della caserma Giannettino tendeva a escludere l'intossicazione alimentare, dando piuttosto maggiore credito a un'infezione di tipo virale, anche perché i malesseri dei militari vanno avanti già da diversi giorni. La risposta arriverà con ogni probabilità nelle prossime ore, quando il lavoro dei carabinieri del Nas e dei tre dipartimenti dell'Asp che stanno seguendo il caso (Igiene degli alimenti e della Nutrizione, Epidemiologia, e Prevenzione delle malattie infettive) arriverà alle dovute conclusioni. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×